Sei in: Home » Articoli

Cassazione: Licenziabile chi schiaccia un pisolino sul luogo di lavoro

Schiacciare un pisolino sul posto di lavoro puo' costare il lavoro stesso. Il provvedimento, sancisce la Corte di Cassazione, e' piu' che ''legittimo'' in quanto l'addormentamento del lavoratoratore costituisce ''abbandono doloso del posto di lavoro''. A fare le spese del provvedimento irrevocabile, reso definitivo dalla Suprema Corte e' Cosimo M., guardia giurata sarda, licenziato in tronco dall'istituto di vigilanza per il quale lavorava per ''essersi addormentato durante l'orario di servizio all'interno della propria auto'' parcheggiata a pochi metri dall'ospedale 'Marino' di Cagliari che doveva essere da lui sorvegliato. Licenziato nel settembre del '96, il lavoratore era stato reintegrato dal pretore di Cagliari che aveva ritenuto ''eccessivo'' il provvedimento disciplinare.
Una colpa troppo grave l'essersi addormentato sul posto di lavoro per il Tribunale di Cagliari che, nel secondo grado di giudizio del 2001, confermava la legittimita' del licenziamento nei confronti di Cosimo M. ''per abbandono del posto di lavoro''. Invano il lavoratore ha rivendicato una sanzione piu' 'mite' sostenendo, tra l'altro, di non avere ''abbandonato il posto di lavoro'' ma di ''essere salito sulla sua auto a causa di un principio di colica renale e di essere stato costretto a prendere una compressa di 'spasmex' che gli aveva provocato una lieve sonnolenza''.
(16/04/2005 - Roberto Cataldi)
Le pił lette:
» Processo civile: l'opposizione all'esecuzione
» Processo civile: l'opposizione agli atti esecutivi
» Divorzio: in arrivo gli accordi prematrimoniali
» I figli devono garantire assistenza morale e materiale ai genitori anziani
» Carta identitą elettronica: come richiederla
In evidenza oggi
Divorzio: in arrivo gli accordi prematrimonialiDivorzio: in arrivo gli accordi prematrimoniali
I figli devono garantire assistenza morale e materiale ai genitori anzianiI figli devono garantire assistenza morale e materiale ai genitori anziani
Commenta
con Facebook
 
Commenta
con disqus
Commenta con Disqus: Selezionando "Preferisco commentare come ospite" non serve password. Ultime discussioni
blog comments powered by Disqus
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly Version of this pagePrint Get a PDF version of this webpagePDF