Sei in: Home » Articoli

Via libera dalla Camera alla riforma della prescrizione penale. In allegato il testo del DDL

Più lunga la prescrizione per i reati di corruzione e sospensione dopo la sentenza di condanna
bilancia toga sentenza martello
La Camera ha detto sì alla riforma sulla prescrizione dei reati approvando il DDL C. 2150-A "Modifiche al codice penale in materia di prescrizione del reato". 

Tra i provvedimenti di maggior rilievo vi è la previsione dell'aumento dei tempi di prescrizione per i reati di corruzione propria, impropria e in atti giudiziari il cui termine base aumenta del 50%.

E' poi prevista una sospensione della prescrizione per due anni nel caso in cui intervenga una condanna in primo grado e di un ulteriore anno se interviene una condanna in appello.

In particolare, secondo le nuove disposizioni il corso della prescrizione rimane sospeso

1) dal deposito della sentenza di condanna di primo grado sino al deposito della sentenza che definisce il grado successivo di giudizio, per un tempo comunque non superiore a due anni, oltre i termini previsti dall'articolo 544, commi 2 e 3, del codice di procedura penale

2) dal deposito della sentenza di secondo grado, anche se pronunciata in sede di rinvio, sino alla pronuncia della sentenza definitiva, per un tempo comunque non superiore a un anno, oltre i termini previsti dall'articolo 544, commi 2 e 3, del codice di procedura penale

Viene aggiunta anche un'ulteriore possibilità di sospendere il decorso della prescrizione per 3 mesi in caso di richiesta da parte dell'imputato di perizie complesse.

Altra particolarità della riforma sta nel fatto che per allineare la normativa italiana e quella internazionale ed europea si prevede che per reati gravi commessi contro i minori il termine di prescrizione inizia a decorrere solo da quando la vittima compiuto il 14° anno di età: l'art. 2 del DDL prevede in particolare che "Per i reati previsti dall'articolo 392, comma 1-bis, del codice di procedura penale, se commessi nei confronti di minore, il termine della prescrizione decorre dal compimento del quattordicesimo anno di età della persona offesa, salvo che l'azione penale sia stata esercitata precedentemente.
In quest'ultimo caso il termine di prescrizione decorre dall'acquisizione della notizia di reato".

L'articolo 6 delle disposizioni di attuazione chiarisce in ogni caso che le nuove disposizioni si applicano ai fatti commessi dopo la data della sua entrata in vigore.
Vai al testo del ddl 2150 A
Print Friendly Version of this pagePrint Get a PDF version of this webpagePDF
(24/03/2015 - N.R.)
Le più lette:
» Multe: quando scadono?
» Lotteria degli scontrini in arrivo
» Avvocati: gli errori che rischiano di ostacolare la carriera
» Avvocati: la petizione contro la Cassa forense arriva nei tribunali
» Caduta sulle scale bagnate? Paga il condominio
In evidenza oggi.
Charlie Hebdo: esercizio del diritto di satira o lesione della dignità delle vittime?
Alcune considerazioni di Gino M.D. Arnone relative al macabro accostamento pietanze-morti sono tuttora valide dopo l'ennesima, ripugnante vignetta del settimanale satirico
Commenta
con Facebook
 
Commenta
con disqus
Commenta con Disqus: Selezionando "Preferisco commentare come ospite" non serve password. Ultime discussioni
blog comments powered by Disqus
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly and PDF