Sei in: Home » Articoli

Cassazione: legittimo il licenziamento di chi svolge attività sportiva 'fisicamente provante'

L'attività sportiva era risultata incompatibile con il suo stato di salute e idonea a ridurre sensibilmente la sua capacità lavorativa
lavoro

di Licia AlbertazziCorte di Cassazione civile, sezione lavoro, sentenza n. 144 del 9 Gennaio 2015. E' legittimo licenziare il dipendente che pratica un'attività sportiva fisicamente provante, idonea a ridurre sensibilmente la sua capacità lavorativa. Lo dice la Cassazione rilevando che nel merito, è stato accertato che le condizioni fisiche del lavoratore, già compromesse, sarebbero sensibilmente peggiorate proprio a causa della pratica di tale sport.

Ad essere reciso – con conseguente giustificazione del datore di lavoro nell'adottare una misura sanzionatoria grave quale è il licenziamento – è infatti il rapporto fiduciario che deve sussistere tra lavoratore e datore; è stato infatti ribadito dalla Suprema corte, così come già statuito in primo e in secondo grado, che “l'obbligo di fedeltà a carico del lavoratore subordinato ha un contenuto più ampio di quello risultante dall'art. 2105 cod. civ., dovendo integrarsi con gli articoli 1175 e 1375 cod. civ., che impongono correttezza e buona fede anche nei comportamenti extralavorativi, necessariamente tali da non danneggiare il datore di lavoro”. 

Infatti, “il lavoratore deve astenersi dal porre in essere non solo i comportamenti espressamente vietati dall'art. 2105 cod. civ., ma anche qualsiasi altra condotta che, per la natura e per le possibili conseguenze, risulti in contrasto con i doveri connessi al suo inserimento nella struttura e nell'organizzazione dell'impresa, ivi compresa la mera preordinazione di attività contraria agli interessi del datore di lavoro potenzialmente produttivi di danno”. La pratica di disciplina sportiva lesiva di una condizione di salute già di per sé compromessa è quindi idonea a giustificare il licenziamento del lavoratore. Il ricorso del lavoratore è rigettato.

Vai al testo della sentenza 144/2015
(12/01/2015 - Avv.Licia Albertazzi)
Le più lette:
» Incidenti stradali: addio ai testimoni di comodo
» Il pignoramento del conto cointestato
» Il perfezionamento della notifica di un atto giudiziario consegnato a persona diversa dal destinatario
» Gli avvocati non crescono più
» Polizza furto auto: condannata la compagnia di assicurazioni che non dà la prova contraria
In evidenza oggi
Video e foto sui social all'insaputa di chi è ripreso? Ora si rischia il carcereVideo e foto sui social all'insaputa di chi è ripreso? Ora si rischia il carcere
Licenziamento anche per l'assenza di pochi minutiLicenziamento anche per l'assenza di pochi minuti
Commenta con Disqus: Selezionando "Preferisco commentare come ospite" non serve password. Ultime discussioni
blog comments powered by Disqus
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly Version of this pagePrint Get a PDF version of this webpagePDF