Sei in: Home » Articoli

Scatta l'aumento dell'Iva sul pellet: quanto inciderà sulle tasche degli italiani?

L'imposta applicata all'acquisto del combustibile passerà dal 1° gennaio dal 10 al 22%
iva id9618.png
Con l'arrivo dell'anno nuovo scatta l'aumento dell'Iva sul pellet previsto nella Legge di Stabilità 2015: l'imposta applicata all'acquisto del combustibile passerà dal 1° gennaio dal 10 al 22% per effetto di una modifica apportata al D.P.R 633/1972. La Tabella A del provvedimento richiamato dal comma 711 della Legge di Stabilità contiene, infatti, i beni che sono sottoposti al regime dell'aliquota contributiva minima, dai quali viene ora escluso il pellet introducendo un'inedita distinzione con la segatura.

La norma ha prevedibilmente suscitato forti reazioni da parte delle associazioni dei consumatori: in particolare Federconsumatori ha definito l'aumento "intollerabile" in quanto secondo le stime effettuate comporterà un aggravio medio di 50 euro a famiglia. Le associazioni, inoltre, sottolineano gli effetti negativi anche su un piano ambientale: l'aggravio potrebbe avere l'effetto di allontanare i consumatori da questa forma di combustibile meno inquinante.

Gli effetti negativi del provvedimento potrebbero riversarsi prevalentemente su famiglie ed imprese del settore. Secondo stime ISTAT il pellet è attualmente utilizzato da oltre due milioni di famiglie facenti parte della fascia meno abbiente della popolazione e residenti prevalentemente in zone montane. Parallelamente lo imprese operanti nel campo registrano circa il 35% delle esportazioni e rischiano di vedere ridurre il proprio volume di affari a seguito dell'introduzione di un'imposta sul valore aggiunto sensibilmente più elevata di quella vigente in altri paesi europei.
(03/01/2015 - G.C.)
Le più lette:
» Incidenti stradali: addio ai testimoni di comodo
» Il pignoramento del conto cointestato
» Il perfezionamento della notifica di un atto giudiziario consegnato a persona diversa dal destinatario
» Gli avvocati non crescono più
» Polizza furto auto: condannata la compagnia di assicurazioni che non dà la prova contraria
In evidenza oggi
Divorzio: niente assegno per chi guadagna più di mille euroDivorzio: niente assegno per chi guadagna più di mille euro
Video e foto sui social all'insaputa di chi è ripreso? Ora si rischia il carcereVideo e foto sui social all'insaputa di chi è ripreso? Ora si rischia il carcere
Commenta con Disqus: Selezionando "Preferisco commentare come ospite" non serve password. Ultime discussioni
blog comments powered by Disqus
Newsletter f g+ t in Rss
Divorzio: niente assegno per chi guadagna più di mille euro
Print Friendly Version of this pagePrint Get a PDF version of this webpagePDF