Decreto P.A.: marcia indietro sulla Quota 96. Via libera dal Senato

governo palazzo chigi
Una marcia indietro annunciata quella sulla c.d. "quota 96" considerate le remore con cui Montecitorio aveva dato il suo ok nei giorni scorsi. Cade così uno dei cardini del decreto P.A. che ha avuto dal Senato l'approvazione quasi definitiva.

Aldilà delle rassicurazioni del premier Renzi, che ha minimizzato la questione, spiegando che di fatto l'intervento esulava dalla ratio della riforma della P.A. e annunciando un decreto ad hoc entro la fine di agosto insieme al "pacchetto scuola", sta di fatto che i 4.000 insegnanti "liberati" dal giogo della riforma Fornero, in possesso dei requisiti della quota 96 (della somma cioè tra l'età anagrafica e quella contributiva) non potranno andare in pensione. 

Da palazzo Madama, arriva anche: il dietrofront sui pensionamenti facili, che consentivano di mandare a riposo i primari e i professori universitari al compimento dei 68 anni; lo stop alla cancellazione delle penalizzazioni per le uscite anticipate dal lavoro (prima dei 62 anni) e ai benefici per le vittime del terrorismo (in caso di invalidità permanente).

Tutti punti, quelli descritti, affossati dalla Ragioneria dello Stato che ha sollevato problemi di "copertura", sia in termini di fabbisogno che di indebitamento ai sensi delle norme sulla contabilità. 

Appunti ed emendamenti accettati, giocoforza, tra polemiche e delusioni, quale unica via d'uscita per ottenere il sì del Senato, dati i tempi stretti per non far decadere il decreto (la cui scadenza è prevista per il 23 agosto), ma che fanno saltare l'impianto "rivoluzionario" delle misure finalizzate a "rottamare" la vecchia macchina burocratica dello Stato, favorendo la staffetta generazionale nella P.A. 

Ora, dopo il bis della fiducia (già chiesta in prima battuta e ottenuta anche al Senato con 160 sì e 106 no), il decreto 90 dovrà correre alla Camera per la terza e definitiva lettura ed essere convertito, salvo sorprese, prima della pausa estiva. 


(05/08/2014 - Marina Crisafi)
Le più lette:
» Il peggior cliente che l'avvocato possa mai sperare di avere…
» Avvocati di successo: le sei abilità necessarie
» Paga il danno da alienazione parentale la mamma che non fa vedere il figlio all'ex
» Le tasse del defunto le pagano gli eredi
» Risarcimento in libri per la baby squillo dei Parioli
Commenta
con Facebook
 
Commenta
con disqus
Commenta con Disqus: Selezionando "Preferisco commentare come ospite" non serve password. Ultime discussioni
blog comments powered by Disqus
bottone newsletter Icona Facebook Icona Rss Icona Google plus Icona twitter Icona linkedin
Print Friendly and PDF