Sei in: Home » Articoli
 » Condominio

Condominio: i gravi difetti del nuovo edificio vanno denunciati subito, senza attendere la perizia

condominio appartamento

L'esistenza di gravi difetti nell'immobile condominiale di nuova costruzione va denunciata entro il termine di decadenza dei 60 giorni, senza aspettare l'esito della perizia. Lo ha stabilito la terza sezione della Corte di Cassazione, con sentenza n. 12297 del 30 maggio 2014, respingendo il ricorso di un condominio che aveva citato in giudizio la società costruttrice dell'edificio per ottenere il ristoro dalle spese necessarie per eliminare i vizi d'opera, poiché ritenuto tardivo, in quanto presentato dopo l'esito della perizia tecnica. 

Richiamando il pacifico orientamento della giurisprudenza in materia (cfr. ex multis, Cass. n. 1993/1999), la Corte ha sottolineato, infatti, come in tema di garanzia per gravi difetti d'opera il termine di decadenza inizia a decorrere quando si abbia piena conoscenza degli stessi, la quale può ritenersi raggiunta solo quando risulti dimostrata la piena comprensione del fenomeno e la chiara individuazione e imputazione delle cause. 

Tale possibilità, tuttavia, ha osservato la Corte, è concessa, a tutela dei soggetti danneggiati, limitatamente alle ipotesi in cui i vizi necessitino di indagini approfondite per giungere alla loro reale entità e alle conseguenti responsabilità, e non già per ogni difetto presentato dall'opera. 

In presenza di vizi manifesti, pertanto, come nel caso di specie - in cui la presenza di gravi e diffuse infiltrazioni d'acqua negli immobili condominiali si era manifestata sin da subito, essendo gli stessi di nuova costruzione – la denuncia va effettuata nei termini, senza che si renda necessario attendere gli esiti della relazione tecnica. 

Vedi anche: La garanzia per vizi e difformità dell'opera

Print Friendly Version of this pagePrint Get a PDF version of this webpagePDF
(13/06/2014 - Marina Crisafi)
Le più lette:
» Equitalia: rottamazione anche per il sovraindebitamento
» Gassani: 1 coppia su 5 in Italia separata in casa, per non finire sul lastrico
» Catene di Sant'Antonio su Whatsapp: chi c'è dietro e chi ci guadagna
» Tasse ridotte dal giudice fino al 90%
» Terremoto: ecco dove finiscono i soldi degli sms di solidarietà
In evidenza oggi.
Avvocati: mantenimento alla ex moglie che ha lasciato la toga
Per la Cassazione se la professione è abbandonata per curare gli interessi del marito, l'assegno va corrisposto anche se il matrimonio è stato breve
Commenta
con Facebook
 
Commenta
con disqus
Commenta con Disqus: Selezionando "Preferisco commentare come ospite" non serve password. Ultime discussioni
blog comments powered by Disqus
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly and PDF