Sei in: Home » Articoli

Cassazione: licenziamento illegittimo e valutazione di decisività della prova

lavoro licenziamento infortuni

di Licia Albertazzi - Corte di Cassazione Civile, sezione lavoro, sentenza n. 18368 del 31 Luglio 2013. Un'associazione sindacale di categoria ha promosso ricorso al giudice del lavoro al fine di far rimuovere gli effetti dei provvedimenti aziendali – nella specie, licenziamento di tre dipendenti – poiché illegittimi e frutto di condotta antisindacale. Il Tribunale ha accolto la domanda e ordinato il reintegro dei dipendenti; decisione confermata anche in appello. Avverso tale sentenza promuove ricorso l'azienda denunciando difetto di motivazione.

Preliminarmente la Corte rileva come sia inammissibile il deposito, ad opera dell'azienda ricorrente, di un documento (copia decreto citazione diretta del Pm) mai prodotto nei precedenti gradi di giudizio. Prosegue la Cassazione rilevando come il comportamento dei tre operai licenziati, iscritti alle liste sindacali, stessero in effetti esercitando un diritto loro proprio; e di come la questione in sostanza vertesse sulla quantificazione del periodo di astensione, problema accertabile nel merito e non certo sindacabile in sede di legittimità. Circa la decisività della prova la Suprema Corte afferma che “possono considerarsi tali solo i fatti la cui differente considerazione avrebbe comportato con certezza una decisione diversa”. Elemento comunque carente nel caso in esame. In definitiva, il datore di lavoro ha proceduto ad irrogare la sanzione del licenziamento in tronco senza valutare e rapportare il comportamento degli scioperanti relativamente al caso concreto. Da tale sproporzione non può che derivare l'illegittimità del provvedimento datoriale, circostanza rilevata dal giudice del merito e da questi correttamente e compiutamente motivata; il ricorso è respinto e la sentenza d'appello interamente confermata.

Vai al testo della sentenza 18368/2013
Print Friendly Version of this pagePrint Get a PDF version of this webpagePDF
(13/08/2013 - Licia Albertazzi)
Le più lette:
» Avvocati: niente contributi minimi alla Cassa né obbligo di iscrizione
» Equitalia: chiedere il pagamento rateale non significa ammettere il debito
» Divorzio: arrivano gli hotel che aiutano le coppie a lasciarsi
» Multe: quali sono i "vizi" che le rendono nulle?
» Accesso agli atti: dalla legge 241 alla riforma Madia
In evidenza oggi
Colpo di frusta: niente risarcimento senza TacColpo di frusta: niente risarcimento senza Tac
Gratuito patrocinio: onorari più alti per gli avvocatiGratuito patrocinio: onorari più alti per gli avvocati
Commenta
con Facebook
 
Commenta
con disqus
Commenta con Disqus: Selezionando "Preferisco commentare come ospite" non serve password. Ultime discussioni
blog comments powered by Disqus
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly and PDF