Sei in: Home » Articoli

Cassazione: la limitazione della responsabilità medica nei di speciale difficoltà non opera se c'è negligenza o imprudenza

medico lastre visita malattia professionale
di Licia Albertazzi - Cassazione Civile, sentenza n. 6093 del 12 Marzo 2013
Il dettato normativo di cui all'art. 2236 codice civile (responsabilità del prestatore d'opera) è piuttosto chiaro: la complessità dell'incarico affidato al professionista può fungere da limite all'attribuzione di responsabilità per la cattiva riuscita dell'opera salvo che ci sia l'elemento soggettivo del dolo o della colpa grave. In particolare, in tema di responsabilità medica, la limitazione del caso di particolare complessità ha efficacia soltanto per la perizia, escludendo decisamente dal novero sia negligenza che imprudenza. In questi due ultimi casi il medico risponde in qualsiasi circostanza.

Nel caso di specie il medico resistente, primario di un istituto di cura – citato in giudizio a seguito di errore diagnostico -  ha argomentato la propria difesa puntando sulla particolare complessità del quadro clinico prospettatogli, estendendo l'interpretazione del sopra menzionato articolo anche a tutti e tre gli elementi da cui scaturisce la colpa (appunto negligenza, imprudenza e imperizia).

La Suprema Corte ha tuttavia sottolineato come il primario abbia la piena responsabilità dei malati appartenenti alla propria divisione, e come su di lui gravi l'onere di conoscere le situazioni cliniche di ciascuno nonché di assumere tutte le informazioni necessarie per curare al meglio i pazienti stessi. L'omissione di questi comportamenti integra senza dubbio ipotesi di negligenza; fatto che il nostro ordinamento non scusa in alcun modo.
(18/03/2013 - Avv.Licia Albertazzi)
Le più lette:
» Incidenti stradali: addio ai testimoni di comodo
» Avvocati: quali sanzioni in caso di mancato preventivo?
» Niente avvocati esterni per l'Agenzia Entrate Riscossione
» Avvocati contro la violenza sulle donne: il progetto Travaw
» Video e foto sui social all'insaputa di chi è ripreso? Ora si rischia il carcere
In evidenza oggi
Divorzio: niente assegno per chi guadagna più di mille euroDivorzio: niente assegno per chi guadagna più di mille euro
Video e foto sui social all'insaputa di chi è ripreso? Ora si rischia il carcereVideo e foto sui social all'insaputa di chi è ripreso? Ora si rischia il carcere
Commenta con Disqus: Selezionando "Preferisco commentare come ospite" non serve password. Ultime discussioni
blog comments powered by Disqus
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly Version of this pagePrint Get a PDF version of this webpagePDF