Sei in: Home » Articoli

Multa di 50 euro per sms molesto, la Cassazione chiede di riesaminare il caso

cellulare sms id10416.png
Era costato caro ad un 26enne di Maglie, in provincia di Lecce, un sms inviato alla ex fidanzata con la quale aveva da poco interrotto una relazione. Il Tribunale di Lecce lo aveva condannato al pagamento di una multa di 50 euro per molestie, ma la Cassazione, accettando il ricorso del giovane, si è presa del tempo per esaminare nuovamente il caso e confermare o no la condanna inflitta.

L'episodio è accaduto nell'aprile 2008: N.B. aveva inviato, poco dopo la mezzanotte, un messaggio alla sua ex il cui contenuto era stato ritenuto offensivo dal Tribunale di Lecce nel febbraio 2011, e aveva portato alla condanna del giovane per “petulanza” e “biasimevole motivo costituito dalla gelosia e dalla volontà di infliggere alla ex fidanzata una punizione per avere interrotto la relazione sentimentale con lui”.

La difesa del ragazzo contestava l'accusa, sostenendo che si trattava non di un messaggio offensivo, bensì di un semplice scherzo tra amici: accogliendo il ricorso, la Prima sezione penale ha richiesto il riordino di un nuove esame del caso di fronte al medesimo Tribunale.

"Il reato di molestia o disturbo alle persone non ha natura di reato necessariamente abituale, sicchè può essere realizzato anche con una sola azione ovvero con una sola telefonata effettuata dopo la mezzanotte, ma di questo occorre dare una esaustiva motivazione, nel caso in esame del tutto omessa, anche con riferimento alle finalità di petulanza o di altro biasimevole motivo", è quanto dichiarato dalla Suprema Corte.
(25/11/2012 - Andrea Proietti)
Le più lette:
» Il rifiuto di sottoporsi ad alcoltest può risultare non punibile
» In arrivo gli sportelli di prossimità, dove non ci sono più i tribunali
» Avvocati e professionisti: è nata la prima polizza a tutela delle parcelle
» Fermo amministrativo: la giurisdizione
» Obbligare la moglie a discutere è reato
In evidenza oggi
Le chat su WhatsApp valgono come provaLe chat su WhatsApp valgono come prova
Avvocati e professionisti: è nata la prima polizza a tutela delle parcelleAvvocati e professionisti: è nata la prima polizza a tutela delle parcelle
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly Version of this pagePrint Get a PDF version of this webpagePDF