Sei in: Home » Articoli

Solidarietà alla scuola: lavoriamo tutti di più e senza aumento !

scuola id8771
di Barbara LG Sordi -
Il neonato Ddl sulla solidarietà si sta facendo già molti nemici e detrattori, cosa non bella per un Governo che tenta di partorire leggi in grado di salvare quel poco che resta da salvare del nostro Paese. Anche se, per amor di precisione, alcune volte questo salvataggio ci appare più come una coltellata tra le scapole, che diciamocelo non è proprio ciò a cui ambiamo. Ora, sperando che qualcosa in questo Ddl possa cambiare prima che diventi un decreto definitivo, e tralasciando indignazione e scoramento, qualche sassolino dalle scarpe bisogna però pur toglierselo. Soprattutto per quel che riguarda gli ennesimi tagli ai budget destinati a Sanità e Istruzione, che in un momento in cui stanno venendo a galla sperperi indicibili da parte della politica pare proprio una sciacallata.

Già la Spending aveva alzato la scure sui soldi destinati alla scuola, concentrandosi soprattutto su quelli di università e ricerca; elargendo invece qualcosa alle scuole dell'obbligo ( e meno male!). Ora il patto di solidarietà (al contrario) va dritto dritto a toccare gli insegnanti di scuole primarie, medie e secondarie superiori di aumentandone il numero di ore lavorative settimanali. Passando così dalle attuali 18 ore a 24 (un bel 30% in più), mantenendo però (e qui sta il tocco di genio) lo stesso stipendio. In realtà la pensata non sarebbe così male, in cambio di ore fatte in più gli insegnanti avrebbero infatti un aumento di giorni di ferie, circa 15, di cui godere nel periodo di minor lavoro, e cioè d'estate. Quando le scuole chiudono ma gli insegnanti sono obbligati a presenziare, spesso senza aver nulla di realmente costruttivo da fare.

Peccato però che con l'aumento di ore di servizio del corpo insegnante di ruolo, diventerebbero superflui tutti gli altri insegnanti di contorno: i supplenti. Uno squadrone contabilizzato in ben 6.400 unità, il cui taglio contribuirà a rientrare dei ben 184 milioni chiesti "in dono" dall'Istruzione con il nuovo Ddl. Ma con gesto mandrakiano, Profumo rassicura che i soldi risparmiati andranno a finanziare ammodernamenti delle strutture scolastiche e alla formazione dei docenti. Quindi qualcosa, forse, non torna. Taglio di insegnanti+ investimento per edilizia/aggiornamento=da quale cappello usciranno i milioni di risparmio previsti? Confidiamo naturalmente nella buona fede, e nella mia incapacità di fare calcoli che vadano oltre i quattro zeri!

Oltre alla questione ore-extra-meno-supplenti il Ddl prevede anche l'innalzamento degli standard formativi nelle scuole paritarie (religiose e non), diventate spesso un parcheggio per chi non ha voglia di lavorare duro, dei veri e propri "diplomifici". Che il Governo è deciso a combattere, perché spesso sotto gli standard medi degli istituti pubblici. Se uno studente vorrà trasferirsi ad una scuola paritaria, questa dovrà essere nella zona di residenza e la motivazione essere giustificata, nonché giudicata plausibile.

Se però un asino ricco vuole finire il suo percorso in un istituto privato, perché privarlo di questa chance? Meglio un asino in meno nella pubblica, visto che i supplenti e i sostegni scarseggeranno,così i docenti di ruolo potranno dedicarsi di più ai virtuosi. Si rischia così di ridurre la selezione naturale che talvolta sopravvive almeno in ambito scolastico; tanto poi si sa che in quello lavorativo la meritocrazia va a farsi benedire, il più delle volte!
Email barbaralgsordi@gmail.it
Print Friendly Version of this pagePrint Get a PDF version of this webpagePDF
(12/10/2012 - Barbara LG Sordi)
Le più lette:
» La manovra è legge: tutte le novità punto per punto
» Cani che abbaiano in condominio: Il punto della giurisprudenza
» Legge Pinto: cosa accade ai procedimenti in corso al 1° gennaio 2016?
» Eredità: 10 cose da sapere per una consapevole pianificazione successoria
» Con la depressione si può avere la 104?
Commenta
con Facebook
 
Commenta
con disqus
Commenta con Disqus: Selezionando "Preferisco commentare come ospite" non serve password. Ultime discussioni
blog comments powered by Disqus
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly and PDF