Sei in: Home » Articoli

Cani in spiaggia. Non tutti i cartelli di divieto sono validi

cane spiaggia id12328
L'estate a volte può trasformarsi in un incubo per i proprietari di cani. Una delle peculiarità delle spiagge italiane infatti è che risulta estremamente difficile trovare una spiaggia dove potersi rilassare in compagnia di Fido. E' vero che sono in aumento le spiagge "spiagge pet friendly" ma i divieti sono ancora davvero tanti. Cosa fare dunque per evitare multe spesso molto salate? La prima cosa a cui si deve prestare attenzione sono i cartelli di divieto eventualmente presenti sulle spiagge. Non tutti infatti sono regolari. Chi vuole entrare in spiaggia con il proprio amico a 4 zampe non deve necessariamente arrendersi di fronte a un cartello di divieto perché può controllare la sua regolarità. Ciò che occorre verificare è se tali cartelli motivano il divieto e se precisano anche la sua estensione oraria sulla base di un'ordinanza comunale. E non basta, l'ordinanza dovrebbe essere firmata dal comandante dei vigili urbani, o dal sindaco (in alternativa, da un assessore delegato) e dovrebbe essere pubblicata sull'albo pretorio del Comune. In mancanza di queste condizioni il divieto non si può considerare valido. Vale la pena di mettere in evidenza, inoltre, che i cartelli di divieto sul retro devono presentare la data di scadenza e il numero di riferimento dell'ordinanza comunale.

Detto questo, che fare se qualcuno prova ad allontanarci dalla spiaggia? Innanzitutto possiamo verificare se quella persona ne abbia titolo. Bisogna infatti sapere che solo le forze dell'ordine possono ordinarci di lasciare la spiaggia.

Se poi abbiamo riscontrato una irregolarità nel cartello possiamo farlo presente dato che una eventuale multa potrebbe poi essere impugnata.

Naturalmente, accanto al diritto di accedere in spiaggia, se vogliamo portare con noi il nostro più fedele amico, dobbiamo anche rispettare specifici doveri, primo fra tutti quello di portare con con noi i sacchetti per raccogliere eventuali bisogni e quello di evitare che il nostro affezionato animale arrechi disturbo ai bagnanti.

Print Friendly Version of this pagePrint Get a PDF version of this webpagePDF
(12/08/2012 - A.V.)
Le più lette:
» Cassazione: il giudice non può mortificare gli avvocati con compensi irrisori
» Il figlio che non aiuta i genitori commette reato
» Diritto all'indennità di accompagnamento e Inps: la Cassazione accoglie la domanda
» Multe e bolli: come si rottamano e cosa si risparmia
» Il rifiuto della notifica di un atto giudiziario
Commenta
con Facebook
 
Commenta
con disqus
Commenta con Disqus: Selezionando "Preferisco commentare come ospite" non serve password. Ultime discussioni
blog comments powered by Disqus
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly and PDF