Sei in: Home » Articoli

Cassazione: professionista che tarda a presentare la domanda per contributo statale deve risarcire al cliente anche il danno futuro

commercialista scontrino tasse professionista
Il professionista che sbaglia a presentare la domanda per un contributo statale è tenuto a risarcire il cliente del danno patrimoniale futuro. Questo il contenuto della sentenza 6922, depositata l'8 maggio scorso dalla terza sezione civile della Corte di Cassazione sulla domanda di risarcimento danni proposta da un cliente nei confronti di un professionista negligente che aveva proposto oltre i termini un'istanza di concessione di finanziamento pubblico. La domanda era stata infatti presentata oltre i termini e l'amministrazione competente aveva respinto l'istanza di concessione dei contributi a fondo perduto (ex l. reg. sic. N. 41/1975 e n. 3/1986). Il cliente lo citava così in giudizio per il risarcimento dei danni ai sensi dell'art. 1218 c.c. Dopo i giudizi di merito che avevano visto la condanna del professionista al risarcimento del danno, gli Ermellini, investi della questione su ricorso per cassazione proposto dal professionista che eccepiva, tra gli altri motivi, la mancata prova del nesso di causalità tra la sua prestazione professionale e il danno arrecato al cliente, hanno spiegato che a provare il nesso di causalità vi erano le lettere di archiviazione dell'amministrazione in cui veniva dato atto dell'archiviazione dell'istanza per presentazione tardiva dei documenti richiesti. Inoltre, in riferimento, per quanto riguarda l'onere probatorio, il cliente ha assolto al suo onere di provare, secondo un criterio di elevatissima verosimiglianza (…) la realizzazione in concreto dei presupposti per il raggiungimento del risultato sperato e impedito della condotta illecita, della quale il danno risarcibile è stata conseguenza immediata e diretta.
Il mancato otteniutmento del contributo –ha spiegato la Corte – ha rappresentato per il (cliente) una perdita avente natura di danno patrimoniale futuro, la cui liquidazione può rapportarsi a valutazioni di circostanze di fatto (…) che, se motivate secondo un iter argomentativo scevro da vizi lofico- giuridici (…) si sottraggono a qualsiasi forma di censura in sede di legittimità”. In sostanza, la Corte, confermando la decisione di merito, ha spiegato che, dall'istruttoria è emerso che il diniego dell'istanza di finanziamento, se fosse stata presentata nei termini e corredata dalla documentazione richiesta, sarebbe stata accolta.
Consulta testo sentenza n. 6922/2012
Print Friendly Version of this pagePrint Get a PDF version of this webpagePDF
(16/06/2012 - Luisa Foti)
Le più lette:
» La manovra è legge: tutte le novità punto per punto
» Cani che abbaiano in condominio: Il punto della giurisprudenza
» Cassazione: la clausola claims made non è vessatoria
» Legge Pinto: cosa accade ai procedimenti in corso al 1° gennaio 2016?
» I compensi per l'atto di precetto con tabella e strumento di calcolo online
Commenta
con Facebook
 
Commenta
con disqus
Commenta con Disqus: Selezionando "Preferisco commentare come ospite" non serve password. Ultime discussioni
blog comments powered by Disqus
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly and PDF