Sei in: Home » Articoli

Cassazione: illegittimo il licenziamento del dipendente che, secondo prassi aziendale, comunica le ferie semplicemente via e-mail

lavoro licenziamento mobbing
La Corte di Cassazione, con sentenza n. 7863 del 18 maggio 2012, ha affermato che è illegittimo il licenziamento per giusta causa di un dipendente per assenza ingiustificata per ferie qualora, in presenza di una prassi aziendale in virtù della quale l'autorizzazione veniva sostanzialmente concessa in forma tacita, il dipendente abbia semplicemente comunicato il periodo a mezzo posta elettronica al Presidente ed al Responsabile dell'Ufficio del personale. In particolare la Suprema Corte, confermando la decisione dei giudici di merito, ha osservato come il giudice del gravame, in base ad un processo di corretta valutazione del materiale probatorio acquisito, ha ritenuto che prove di carattere documentale (concessione di ferie in relazione a precedenti richieste inoltrate a mezzo posta elettronica, attraverso modulo predisposto e sottoscritto dal responsabile del personale in assenza di autorizzazione scritta del Presidente) fossero state confermate da prove testimoniali secondo le quali esisteva una prassi secondo la quale non era normalmente richiesto dal capo del personale la visione delle autorizzazioni scritte del Presidente. Il lavoratore, assentandosi durante i giorni che aveva comunicato via mail, aveva dunque, agito sulla base di un legittimo affidamento che le ferie erano state concesse dal Capo dell'Ufficio del Personale, né poteva ravvisarsi – si legge nella sentenza - una insubordinazione avendo il ricorrente agito nella consapevolezza di avere ricevuto in forma tacita l'autorizzazione dal Presidente, il quale nulla aveva opposto nel lasso di tempo intercorrente tra la comunicazione e la concessione delle ferie.
Print Friendly Version of this pagePrint Get a PDF version of this webpagePDF
(22/05/2012 - L.S.)
Le più lette:
» La manovra è legge: tutte le novità punto per punto
» Cani che abbaiano in condominio: Il punto della giurisprudenza
» Cassazione: la clausola claims made non è vessatoria
» Legge Pinto: cosa accade ai procedimenti in corso al 1° gennaio 2016?
» I compensi per l'atto di precetto con tabella e strumento di calcolo online
Commenta
con Facebook
 
Commenta
con disqus
Commenta con Disqus: Selezionando "Preferisco commentare come ospite" non serve password. Ultime discussioni
blog comments powered by Disqus
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly and PDF