Sei in: Home » Articoli

INPS: lavori usuranti e pensionamento anticipato

lavoro
L'INPS, con messaggio n. 24235 del 22 dicembre 2011, ha chiarito le modalità di accoglimento delle domande di pensionamento anticipato dei lavoratoratori che hanno svolto attività usuranti. In particolare l'Istituto, ricordando che coloro i quali svolgano attività lavorative particolarmente faticose e pesanti possono accedere al trattamento pensionistico anticipato, una volta raggiunti, nel corso del 2011, i 40 anni di contributi necessari, precisa che per quanto concerne i lavori notturni, non bastano per accedere al beneficio le sole buste paga dei lavoratori che contengono l'indicazione dell'indennità percepita, ma occorre che siano desumibili altri elementi, come il numero delle ore svolte per ciascun giorno lavorativo; per perfezionare l'istanza, sarà quindi necessario produrre ulteriori documenti, come il contratto individuale, collettivo nazionale o aziendale, eventuali ordini di servizio. L'INPS precisa poi che accoglierà e valuterà anche la documentazione inviata dopo il 6 dicembre 2011, termine entro il quale i lavoratori dovevano presentare all'Istituto la documentazione minima. In relazione alla maturazione del diritto al trattamento anticipato di pensione da parte di lavoratori di cui all'art. 1, c. 2, lettera a) del D.Lgs. 21 aprile 2011 n. 67, cioè di quei soggetti che negli ultimi 10 anni di lavoro vantano almeno sette anni di lavoro usurante, l'Istituto chiarisce che nei sette anni, che danno diritto ad anticipare la pensione, bisogna includere anche il settimo anno, ovvero l'ultimo, in cui maturino i requisiti pensionistici.
Print Friendly Version of this pagePrint Get a PDF version of this webpagePDF
(28/12/2011 - L.S.)
Le più lette:
» Diritto all'indennità di accompagnamento e Inps: la Cassazione accoglie la domanda
» Telefonia: Vodafone e 3 dovranno rimborsare i clienti
» Tribunale di Milano: i redditi in nero del marito non contano ai fini dell'assegno alla ex
» Avvocati: sanzioni fino a 30mila euro per chi non identifica i clienti
» Il rifiuto della notifica di un atto giudiziario
Commenta
con Facebook
 
Commenta
con disqus
Commenta con Disqus: Selezionando "Preferisco commentare come ospite" non serve password. Ultime discussioni
blog comments powered by Disqus
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly and PDF