Sei in: Home » Articoli

Sanità: Cgil annuncia mobilitazione contro tagli per 12 miliardi

cgil id9466.png
La Cgil annuncia battaglia contro i tagli alla sanità previsti dalle manovre economiche e dalle leggi di stabilità che comportano una riduzione di spesa di circa 12 miliardi di euro spalmata in quattro anni. Di questi, 1 miliardo viene tolto al fondo per l'edilizia sanitaria, 800 milioni di euro vengono tolti al fondo sociale e c'è poi l'introduzione del 'super ticket' che secondo la Cgil "si sta traducendo in un regalo al mercato della sanità privata, e un danno al servizio pubblico, che graverà nelle tasche dei cittadini italiani per oltre 4 miliardi di euro entro il 2014". Per contestare queste misure la Cgil ha promosso per il 18 novembre una giornata di mobilitazione nazionale denominata "La salute è un diritto fondamentale". Il sindacato - in un comunicato stampa - mette in evidenza che l'Italia sul fronte sanità è in una situazione drammatica giacché da un lato "prosegue la flessione del personale del Servizio sanitario nazionale" così come "rimane inalterato il pacchetto di 'vessazioni' (blocco della contrattazione, Tfr posticipato, contributo di solidarietà, ecc.)"; dall'altro lato "si temono gli effetti nefasti della delega fiscale e assistenziale che potrebbe colpire principalmente i pensionati e le circa 4 milioni di persone con pensione di reversibilità, le oltre 2 milioni con quella di accompagnamento e altre 900 mila con quella di invalidità civile". Secondo Cgil saranno colpiti in particolar modo gli anziani e i lavoratori del servizio sanitario nazionale.
Print Friendly Version of this pagePrint Get a PDF version of this webpagePDF
(13/11/2011 - N.R.)
Le più lette:
» In arrivo il "congedo mestruale"
» Equitalia: rottamazione anche per il sovraindebitamento
» Tasse ridotte dal giudice fino al 90%
» Gassani: 1 coppia su 5 in Italia separata in casa, per non finire sul lastrico
» Autovelox: nei centri abitati serve la pattuglia
In evidenza oggi.
Avvocati: mantenimento alla ex moglie che ha lasciato la toga
Per la Cassazione se la professione è abbandonata per curare gli interessi del marito, l'assegno va corrisposto anche se il matrimonio è stato breve
Commenta
con Facebook
 
Commenta
con disqus
Commenta con Disqus: Selezionando "Preferisco commentare come ospite" non serve password. Ultime discussioni
blog comments powered by Disqus
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly and PDF