Sei in: Home » Articoli

Cassazione: banca paga assegno con firma falsa? Niente risarcimento se la falsità non era evidente

assegno banca pagamento
In caso di assegno falso, la banca è responsabile solo se l'alterazione è rilevabile ictu oculi. Secondo il giudizio del Palazzaccio, il bancario medio non è tenuto a mostrare qualità di eseprto grafologo. Questo è il contenuto della sentenza n. 20292, depositata il 4 ottobre 2011, con cui la terza sezione civile, conformandosi alla giurisprduenza sulla materia (ex multis Cass. Civ. sez. I, 15 luglio 2005, n. 15066) ha stabilito che la banca può essere tenuta responsabile del pagamento di un assegno falsificato non a fronte della mera alterazione del titolo, ma solo nei casi in cui una tale alterazione sia rilevabile "ictu oculi", sulla base di conoscenze del bancario medio, il quale non è tenuto a disporre di particolari attrezzature strumentali o chimiche per rilevare la falsificazione, né è tenuto a mostrare le qualità di un esperto grafologo. Il caso preso in esame dalla Corte riguarda una richiesta di condanna nei confronti di una banca che aveva pagato un assegno bancario di 277 milioni di vecchie lire che però recava una sottoscrizione apocrifa.
Il tribunale aveva respinto la domanda e il rigetto veniva confermato anche dalla corte d'appello perché la difformità della firma rispetto al campione depositato da correntista presso la banca all'atto dell'apertura del conto corrente, non era rilevabile attraverso un esame visivo del titolo. Per questo l'omesso rilievo non poteva essere imputato colpa.
Scarica il testo della sentenza 20292/2011
Print Friendly Version of this pagePrint Get a PDF version of this webpagePDF
(07/10/2011 - Luisa Foti)
Le più lette:
» Telefonia: Vodafone e 3 dovranno rimborsare i clienti
» Avvocati: sanzioni fino a 30mila euro per chi non identifica i clienti
» Tribunale di Milano: i redditi in nero del marito non contano ai fini dell'assegno alla ex
» Avvocati: redditi sempre più bassi, è allarme
» Canone Rai: chi non vuole pagare nel 2017 deve dichiararlo entro dicembre
Commenta
con Facebook
 
Commenta
con disqus
Commenta con Disqus: Selezionando "Preferisco commentare come ospite" non serve password. Ultime discussioni
blog comments powered by Disqus
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly and PDF