Sei in: Home » Articoli

Ministero Ambiente: 'In città senza la mia auto'. Iniziativa per promuovere la mobilità sostenibile

biciclette traffico
Il Ministero per l'Ambiente ha aderito ad una iniziativa europea diretta di incoraggiare l'uso di forme alternative di trasporto nelle città ed ha invitato gli enti locali a promuovere misure di trasporto sostenibile. Si tratta di un obiettivo in linea con la campagna sulla mobilità urbana sostenibile promossa dalla Commissione europea. In sostanza si vuole diminuire l'impatto ambientale provocato dall'uso eccessivo di auto private e fare in modo che ci si muova a piedi, in bicicletta, con mezzi pubblici oppure con mezzi privati condivisi (il cosiddetto car-sharing). Sono 61 le città italiane che partecipano all'iniziativa e che contribuiranno a migliorare la qualità della vita è in città riducendo l'inquinamento atmosferico, inquinamento acustico ed emissioni di gas serra. Le città che partecipano all'iniziativa organizzeranno una settimana di attività adottando almeno una nuova misura permanente che favorisca l'uso di mobilità alternativa. Si prevede anche la creazione di aree pedonali, marciapiedi più ampi, piste ciclabili. sin dalla sua introduzione che risale al 2002 gli effetti della settimana europea della mobilità stanno crescendo sensibilmente.
Lo scorso anno Nelle città europee sono state adottate più di 7000 misure permanenti nella direzione di una mobilità sostenibile.
(18/09/2011 - N.R.)
Le più lette:
» Il rifiuto di sottoporsi ad alcoltest può risultare non punibile
» In arrivo gli sportelli di prossimità, dove non ci sono più i tribunali
» Avvocati e professionisti: è nata la prima polizza a tutela delle parcelle
» Fermo amministrativo: la giurisdizione
» Obbligare la moglie a discutere è reato
In evidenza oggi
Le chat su WhatsApp valgono come provaLe chat su WhatsApp valgono come prova
Avvocati e professionisti: è nata la prima polizza a tutela delle parcelleAvvocati e professionisti: è nata la prima polizza a tutela delle parcelle
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly Version of this pagePrint Get a PDF version of this webpagePDF