La logica delle carte di pagamento

Seguici su Facebook e su G. Plus

Le carte di pagamento rappresentano un metodo diverso di pagamento rispetto al contante e vengono utilizzate quotidianamente da milioni di persone nel mondo. Il crescente successo della carta di plastica è dovuto, principalmente, alla sua praticità e facilità d’uso. Sono tessere di plastica munite di banda magnetica e/o microchip, contenenti tutti i dati di identificazione del titolare della carta.

La logica che regola il rapporto tra i tre soggetti coinvolti prevede che:

  • il venditore fornisca i prodotti desiderati dal titolare della carta di pagamento;
  • il titolare della carta di pagamento si impegni a pagare il prezzo di quanto acquistato all'istituto emittente. Nel caso delle carte di credito, ad esempio, il vantaggio per il titolare consiste nella possibilità di regolare in un secondo momento, rispetto a quello della transazione, l'esborso di denaro; nel caso delle prepagate, invece, i vantaggi sono la maggiore consapevolezza di spesa ed il minor grado di rischio in caso di frodi;
  • l'istituto emittente paghi al fornitore l'ammontare del valore del bene, o servizio venduto al titolare della carta, al netto di una commissione sulla cifra debita.

L'utilizzo delle carte di pagamento consente di comprare senza esborsare denaro contante e senza utilizzare titoli di credito. Il vantaggio è, dunque, quello di poter acquistare anche in mancanza di “liquidi” e di evitare gli eventuali rischi connessi al possesso ed al trasporto di contanti. Inoltre molte carta di pagamento, in particolare quella di credito, possono essere usate come mezzo di prelievo di banconote dagli sportelli automatici bancari. Solitamente il prelievo di denaro con la funzione Bancomat è gratuito (quasi sempre presso gli sportelli del proprio istituto emittente ed, in molti casi, anche dagli altri), mentre utilizzando la funzione carta di credito vengono addebitati i costi di commissione legati all'operazione, che arrivano ad ammontare anche fino a 3,00 o 4,00 Euro.

La logica delle carte di pagamento consente anche al fornitore ed all'istituto emittente di beneficiare di alcuni vantaggi. Il venditore, ad esempio, offrendo la possibilità ai suoi clienti di pagare in un secondo momento (grazie alla carta di credito) ha più possibilità di chiudere una transazione, incassando comunque il denaro in un'unica rata. Mentre, permette all'istituto emittente di guadagnare sia sulle quote associative per il rilascio della carta di pagamento ai richiedenti che sulle commissioni applicate all'importo dovuto ai venditori.

Print Friendly Version of this pagePrint Get a PDF version of this webpagePDF
Arricchisci questa guida con un tuo commento:
blog comments powered by Disqus
Newsletter f g+ t in Rss