Sei in: Home » Articoli

Il rapporto di lavoro di colf e badanti

La loro prestazione è riconducibile alla tipologia contrattuale del lavoro domestico
casalinga con prodotti in mano guarda con disgusto sporco

di Valeria Zeppilli

Chi sono le colf e le badanti

Le colf e le badanti sono le due figure più diffuse di lavoratori domestici, categoria che comprende, oltre a tali soggetti, anche le baby sitter, i camerieri e, più in generale, tutti i lavoratori addetti a soddisfare le necessità della vita familiare del proprio datore di lavoro.

Nel dettaglio, con il termine colf ci si riferisce, in generale a quelle lavoratrici (ma anche lavoratori) addette all'igiene, alla pulizia e all'ordine della casa. Le badanti, invece, sono quelle lavoratrici (ma anche lavoratori) che si occupano di assistere continuativamente delle persone non pienamente autosufficienti nella loro vita domestica quotidiana.

Per completezza si precisa che sono lavoratori domestici anche coloro che svolgono le loro attività in favore di comunità senza fini di lucro ma con fini assistenziali, di caserme, di comandi militari o di comunità religiose.

Il contratto di lavoro di colf e badanti

In linea generale, l'assunzione di una colf o di una badante, se a tempo pieno e indeterminato, non richiede necessariamente un atto scritto: la legge, infatti, in tali casi non impone particolari requisiti formali.

Tuttavia, l'articolo 6 del CCNL sulla disciplina del rapporto di lavoro domestico prevede la necessaria redazione di un contratto di lavoro domestico, nel quale indicare i diversi aspetti che caratterizzano il rapporto lavorativo.

In ogni caso, la formalizzazione del contratto per iscritto permette sempre di evitare l'insorgere di contestazioni sugli aspetti che regoleranno in concreto il rapporto.

L'assunzione, comunque, va comunicata all'Inps entro le ore 24 del giorno precedente a quello in cui il rapporto di lavoro avrà inizio, anche se festivo. L'istituto previdenziale va anche informato tempestivamente nel caso in cui gli accordi in essere tra datore di lavoro e colf o badante si modifichino, come ad esempio nel caso in cui vari l'importo della retribuzione o il rapporto originariamente stabilito a tempo determinato divenga a tempo indeterminato.

La comunicazione va fatta attraverso il sito web Inps o il contact center telefonico.

Colf e badanti extracomunitarie

I lavoratori che possono essere assunti come colf o badanti non sono solo quelli italiani o comunitari in possesso di codice fiscale, documento di identità valido e tesserino sanitario.

L'assunzione, infatti, può riguardare anche i lavoratori extracomunitari, in maniera più o meno agevole a seconda che gli stessi siano già soggiornanti in Italia oppure no.

Nel primo caso è infatti sufficiente che il lavoratore che si intende assumere sia in possesso di un permesso di soggiorno valido per lo svolgimento di attività lavorativa. Nel secondo caso, invece, occorre chiedere il nulla osta del Ministero dell'interno, per il quale è necessario presentare domanda online (cliccando qui). L'autorizzazione è subordinata all'impegno del datore di lavoro a farsi carico delle spese di viaggio per il rientro della colf o della badante nel suo paese di origine e ad offrirle un adeguato alloggio.

Il nulla osta, una volta ottenuto, va trasmesso alle autorità consolari italiane presenti nel paese di provenienza del lavoratore, presso le quali quest'ultimo dovrà recarsi per ritirare il visto di ingresso. Una volta arrivato in Italia, il lavoratore ha otto giorni di tempo per recarsi presso lo Sportello Unico per l'Immigrazione presso la Prefettura e sottoscrivere il contratto di soggiorno e la richiesta di permesso di soggiorno.

Dopo l'avvio del rapporto, il datore di lavoro è tenuto anche a comunicare alle autorità competenti tutte le eventuali modifiche che lo dovessero interessare.

La disciplina del rapporto di lavoro

La disciplina del rapporto di lavoro di colf e badanti è dettata dagli articoli 2240 e seguenti del codice civile e dalla legge numero 339/1958, che si occupano in generale del rapporto di lavoro domestico (la seconda limitandosi ai casi in cui la durata del rapporto sia di almeno 4 ore giornaliere presso lo stesso datore di lavoro). A tali fonti normative si affiancano i contratti collettivi, che disciplinano il rapporto più nel dettaglio.

Della disciplina legale si segnala in particolare che, rispetto a quanto avviene per gli altri rapporti di lavoro subordinato, il lavoro domestico non soggiace alla disciplina generale dell'orario di lavoro: per le colf e le badanti, infatti, la legge prevede solo il diritto a un conveniente riposo durante il giorno e ad almeno otto ore consecutive di riposo notturno.

È interessante, inoltre, la previsione di cui all'articolo 2241 del codice civile, in forza della quale il patto di prova si presume per i primi otto giorni, così prescindendosi dalla necessaria forma scritta altrimenti richiesta.

Vitto e alloggio

Una peculiarità del rapporto di lavoro di colf e badanti che merita specifico approfondimento è, infine, quella relativa al vitto e all'alloggio.

Infatti, nel caso in cui il prestatore di lavoro sia ammesso alla convivenza familiare, egli ha diritto non solo alla retribuzione in denaro. Allo stesso infatti, ai sensi dell'articolo 2242 del codice civile, spettano anche il vitto, l'alloggio e, in ipotesi di infermità di breve durata, la cura e l'assistenza medica.

Valeria Zeppilli
Consulenza Legale
Laureata a pieni voti in giurisprudenza presso la Luiss 'Guido Carli' di Roma con una tesi in Diritto comunitario del lavoro. Attualmente svolge la professione di Avvocato ed è dottoranda di ricerca in Scienze giuridiche – Diritto del lavoro presso l'Università 'G. D'Annunzio' di Chieti – Pescara
(04/07/2017 - Valeria Zeppilli) Foto: 123rf.com
Le più lette:
» Inammissibile il ricorso? Cassazione condanna il difensore in proprio al pagamento delle spese legali
» È lecito girare nudi per casa?
» Multa di 3mila euro per gli avvocati che non "denunciano" il cliente sospetto
» Per amici e parenti l'avvocato può anche lavorare gratis
» Ciclisti: arriva il divieto di sorpasso a meno di 1,5 metri
In evidenza oggi
Vittima di violenza sessuale: l'avvocato è sempre gratisVittima di violenza sessuale: l'avvocato è sempre gratis
Separazione: va mantenuta la ex disoccupata anche se può trovarsi un lavoroSeparazione: va mantenuta la ex disoccupata anche se può trovarsi un lavoro
Commenta con Disqus: Selezionando "Preferisco commentare come ospite" non serve password. Ultime discussioni
blog comments powered by Disqus
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly Version of this pagePrint Get a PDF version of this webpagePDF