Sei in: Home » Articoli

Auto blu: sarà reato anche andare da casa al lavoro

La Camera approva ora tocca al Senato. Fino a 3 anni di reclusione per chi adopera impropriamente la vettura di servizio
auto blu strada rc autovelox

di Marina Crisafi - Rischierà da 6 mesi a 3 anni di carcere chiunque utilizzerà la macchina di servizio per compiere il tragitto casa-ufficio. È questa la principale novità della legge sulle auto blu, presentata nel luglio 2015 dal M5S, che ha ricevuto ieri il via libera dalla Camera e che ora passa al Senato per l'esame definitivo.

Il testo, che ha superato il primo traguardo in parlamento con 387 voti a favore, 19 astenuti e nessun contrario, sancisce un netto giro di vite sull'acquisto, sulla dismissione e sull'utilizzo delle autovetture di servizio o di rappresentanza delle pubbliche amministrazioni.

Quanto agli abusi, tra cui appunto quello di utilizzare l'auto per il trasferimento tra l'abitazione e il luogo di lavoro, verranno puniti con il reato di peculato d'uso. In sostanza, sarà consentito servirsi del veicolo soltanto per gli spostamenti dovuti a necessarie ragioni di servizio.

Ma la stretta della proposta di legge (3220-A/R) non finisce qui. Viene sancito, infatti, anche il divieto di acquisto (e locazione) di altri veicoli di rappresentanza fino al 31 dicembre 2017, a pena di sanzioni amministrative che possono arrivare fino a 10mila euro per il mancato rispetto dei limiti previsti.

Leggi anche: "Auto blu: chi abusa va in carcere"

Print Friendly Version of this pagePrint Get a PDF version of this webpagePDF
(16/03/2016 - Marina Crisafi)
Le più lette:
» Avvocati: abolire i contributi obbligatori alla Cassa
» Avvocato si cancella dall'albo per fare il becchino
» Debiti sospesi fino a un anno per chi è in difficoltà
» Lavoro: la pausa caffè non è reato
» Semaforo giallo: quando scatta la multa?
In evidenza oggi.
Avvocato si cancella dall'albo per fare il becchino
Carcere fino a 6 mesi e obbligo di ripulire per chi sporca edifici e mezzi
Commenta
con Facebook
 
Commenta
con disqus
Commenta con Disqus: Selezionando "Preferisco commentare come ospite" non serve password. Ultime discussioni
blog comments powered by Disqus
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly and PDF