Sei in: Home » Articoli

Università: 861 ricercatori cercasi

Il ministro Giannini ha firmato il decreto che dà il via libera al reclutamento in base ai fondi stanziati dalla legge di stabilità 2016
ricercatrice che osserva al microscopio in laboratorio

di Marina Crisafi - Arriva una boccata d'ossigeno per le università con il via libera al reclutamento di quasi mille tra ricercatori e docenti ordinari. Ieri, infatti, il ministro Giannini ha firmato i decreti attuativi delle previsioni della legge di stabilità 2016 che ha stanziato appositi fondi per l'anno in corso e a partire dal 2017.

Nello specifico, sono 47 i milioni per l'anno in corso e 50,5 dal 2017 in poi, che serviranno per assumere 867 ricercatori di "tipo b", ossia con il c.d. percorso "tenure track" (che oggi ammontano a circa 700), i quali, dopo l'abilitazione, potranno salire in cattedra come professori associati. Ammontano invece a 6 milioni per il 2016 e a 10 a partire dal 2017 in poi i fondi stanziati per il reclutamento di un centinaio di docenti ordinari. Per costoro, c'è un unico paletto; il 20% delle risorse reclutate non dovrà appartenere all'organico dell'università che le assume.

Quanto agli 861 posti di ricercatore invece questi saranno assegnati a 66 atenei secondo criteri di "merito" che terranno conto delle performance ottenute nell'ambito della ricerca e della qualità nelle politiche di reclutamento. In ogni caso, ad ogni ateneo verrà garantita una base minima di almeno 2 ricercatori.

L'intervento segna l'ingresso di "energie nuove nella ricerca universitaria" ha dichiarato lo stesso ministro Giannini: un "primo importante segnale" che dimostra che "abbiamo ricominciato ad investire nel nostro capitale umano".

Plauso anche da parte della Crui, la conferenza dei rettori, che, per bocca del suo presidente, Gaetano Manfredi, parla di "segnale positivo" al quale sarà garantito tutto l'appoggio "affinché questo piano di reclutamento diventi stabile dal prossimo anno con l'assunzione di 2mila ricercatori per cinque anni, in modo così da recuperare la perdita degli ultimi anni di 10mila docenti e ricercatori".

Print Friendly Version of this pagePrint Get a PDF version of this webpagePDF
(19/02/2016 - Marina Crisafi) Foto: 123rf.com
Le più lette:
» Multe: quando scadono?
» Catene di Sant'Antonio su Whatsapp: chi c'è dietro e chi ci guadagna
» Avvocati: gli errori che rischiano di ostacolare la carriera
» Terremoto: ecco dove finiscono i soldi degli sms di solidarietà
» Isee: il software Inps per calcolarlo online
In evidenza oggi.
Avvocati: mantenimento alla ex moglie che ha lasciato la toga
Per la Cassazione se la professione è abbandonata per curare gli interessi del marito, l'assegno va corrisposto anche se il matrimonio è stato breve
Commenta
con Facebook
 
Commenta
con disqus
Commenta con Disqus: Selezionando "Preferisco commentare come ospite" non serve password. Ultime discussioni
blog comments powered by Disqus
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly and PDF