Sei in: Home » Articoli

Licenziamento disciplinare: il nocumento grave al datore di lavoro va accertato

Per la Cassazione, in assenza di danno il fatto alla base del licenziamento è insussistente e il recesso illegittimo
lavoro licenziato licenziamento mobbing
di Valeria Zeppilli – La Corte di cassazione, con la sentenza numero 20545 depositata il 13 ottobre 2015 (qui sotto allegata), è intervenuta in materia di licenziamento disciplinare, chiarendo che la sua legittimità è subordinata all'accertamento che il nocumento grave indicato dal contratto collettivo di riferimento e arrecato alla società sia parte integrante della fattispecie di illecito disciplinare addebitato. Viceversa non può ritenersi sussistente il fatto addebitato al lavoratore, con tutte le conseguenze che ne derivano sul piano sanzionatorio.

Nel caso di specie, il licenziamento riguardava un lavoratore al quale l'azienda aveva messo a disposizione un telefono cellulare e un fax, che però erano stati inseriti dal dipendente medesimo su Facebook e su un sito internet come riferimenti per la sua azienda personale di ristorazione.

Tra i clienti della sua piccola azienda, poi, il dipendente aveva inserito anche il datore di lavoro, operante in un campo economico e merceologico completamente diverso.

Ma quest'ultimo non ci sta e lo licenzia.

I giudici della Cassazione, pur prendendo atto dell'effettività dei fatti posti alla base del licenziamento, non rinvengono tuttavia in essi un grave danno per l'azienda, del quale manca l'effettiva verifica.

La legittimità del licenziamento, per ora, non è confermata: bisognerà attendere il responso della Corte di Appello, chiamata ad accertare l'eventuale nocumento materiale o morale subito dal datore di lavoro.

Corte di cassazione testo sentenza numero 20545/2015
Valeria Zeppilli
Consulenza Legale
Laureata a pieni voti in giurisprudenza presso la Luiss 'Guido Carli' di Roma con una tesi in Diritto comunitario del lavoro. Attualmente svolge la professione di Avvocato ed è dottoranda di ricerca in Scienze giuridiche – Diritto del lavoro presso l'Università 'G. D'Annunzio' di Chieti – Pescara
(16/10/2015 - Valeria Zeppilli)
Le più lette:
» Avvocati e professionisti: è nata la prima polizza a tutela delle parcelle
» In arrivo gli sportelli di prossimità, dove non ci sono più i tribunali
» Separazione: addebito al marito per l'amicizia intima che fa sospettare il tradimento
» Trasferimento di strumenti finanziari come ipotesi di donazione diretta ad esecuzione indiretta
» Pensioni: riscatto gratis laurea legato al merito
In evidenza oggi
Le chat su WhatsApp valgono come provaLe chat su WhatsApp valgono come prova
Avvocati e professionisti: è nata la prima polizza a tutela delle parcelleAvvocati e professionisti: è nata la prima polizza a tutela delle parcelle
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly Version of this pagePrint Get a PDF version of this webpagePDF