Sei in: Home » Articoli

Cassazione: va ridotto il mantenimento concordemente stabilito per i figli se lui ha una riduzione della capacità lavorativa, anche se percepisce pensione

Anche se c'è la pensione, le limitazioni delle opportunità professionali giustificano la riduzione del contributo precedentemente concordato
Bambina seduta

di Marina Crisafi - Va ridotto l'assegno di mantenimento al figlio quando in seguito alla sottoscrizione dell'accordo tra i due ex coniugi, al genitore onerato subentrano problemi di salute tali da diminuire le sue opportunità professionali e incidere perciò sulla capacità reddituale.

È questo il principio affermato dalla Corte di Cassazione, con l'ordinanza n. 19106/2015 depositata il 25 settembre scorso (qui sotto allegata), rigettando il ricorso dell'ex moglie che chiedeva il mantenimento degli accordi precedentemente sottoscritti asserendo che i redditi del marito provenivano in larga parte dalla pensione e che il peggioramento dello stato di salute dunque non poteva incidere sugli stessi.

L'accordo prevedeva che l'uomo, di quasi ottantanni e di professione cardiologo, versasse alla figlia minorenne un assegno di duemila euro al mese, ma successivamente alla convenzione, l'onerato veniva colpito da un problema serio di salute (una fibrillazione atriale) che ne limitava, secondo l'espletata CTU, la capacità lavorativa del 70%, riducendo sensibilmente perciò le possibilità professionali che gli avrebbero consentito un ampliamento dei redditi, come immaginato al momento della firma dell'accordo.

Concordando con quanto disposto dalla Corte d'Appello che riduceva l'assegno a 850 euro, la sesta sezione civile ha ritenuto che il precedente accordo non potesse essere più valorizzabile, in quanto lo stesso era stato sottoscritto “nella prospettiva di una piena utilizzabilità delle sue risorse professionali”, e quindi nell'ottica di una integrazione significativa dei soli redditi da pensione. Prospettiva, ha affermato la S.C., venuta in larga parte meno a seguito dell'insorgenza del serio problema di salute (reso ancor più rilevante data l'età del medico).

Per cui, è giusto il mantenimento a favore della figlia ma non certo con le cifre richieste dall'ex moglie, bensì col taglio netto deciso in appello.

Cassazione, ordinanza n. 19106/2015
(28/09/2015 - Marina Crisafi)
Le più lette:
» La querela di falso
» Le chat su WhatsApp valgono come prova
» Avvocati e professionisti: è nata la prima polizza a tutela delle parcelle
» Scuola: anche gli avvocati in coda per fare i supplenti
» Avvocati: i termini di decadenza dei contributi alla Cassa Forense
In evidenza oggi
Multe stradali non notificate: ricorso entro 30 giorni dalla cartellaMulte stradali non notificate: ricorso entro 30 giorni dalla cartella
Unioni civili: sono famiglie a tutti gli effetti, sì alla stepchild adoptionUnioni civili: sono famiglie a tutti gli effetti, sì alla stepchild adoption
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly Version of this pagePrint Get a PDF version of this webpagePDF