Sei in: Home » Articoli

Legittimo il licenziamento della dipendente che rifiuta di far installare un software sul PC in dotazione

La Cassazione ricorda che il giudizio sulla proporzionalità della sanzione disciplinare è riservato ai giudici di merito
lavoro licenziamento mobbing

E' legittimo il licenziamento del lavoratore che rifiuta di far installare un applicativo sul computer in sua dotazione

E' quanto emerge da una sentenza della sezione lavoro della Corte di Cassazione (la n. 14302/2015) in cui i giudici di Piazza Cavour si sono occupati del caso di una dipendente che aveva impedito più volte al tecnico informatico incaricato dal datore di lavoro, di installare il software necessario per lavorare on line.

Nel corso del giudizio di merito era stato dato rilievo anche all'atteggiamento offensivo e derisorio tenuto nei confronti di una superiore.

La Corte d'Appello che aveva a sua volte confermato una statuizione del giudice di primo grado, aveva ritenuto che la sanzione del licenziamento fosse proporzionata alla gravità di tali atti di insubordinazione

Il caso finiva in Cassazione dove gli Ermellini però non sono entrati nel merito limitandosi ad affermare che il rifiuto della lavoratrice di far intervenire il tecnico insieme alla successiva discussione con il superiore sono "fatti accertati così come riferiti dal giudice dell'appello e, in presenza di tale compiuta ricostruzione dei fatti, non è possibile una rivisitazione in questa sede". 

Né appare possibile una diversa valutazione sulla proporzionalità della sanzione dato che si tratta di una valutazione di fatto riservata al giudice del merito "che può essere vagliata in sede di legittimità solo in
presenza di una motivazione non completa o illogica".

Qui sotto in allegato il testo della sentenza.
Cassazione Civile, testo sentenza 14302/2015
(10/07/2015 - G.C.)
Le più lette:
» Incidenti stradali: addio ai testimoni di comodo
» Avvocati: quali sanzioni in caso di mancato preventivo?
» Niente avvocati esterni per l'Agenzia Entrate Riscossione
» Avvocati contro la violenza sulle donne: il progetto Travaw
» Video e foto sui social all'insaputa di chi è ripreso? Ora si rischia il carcere
In evidenza oggi
Divorzio: niente assegno per chi guadagna più di mille euroDivorzio: niente assegno per chi guadagna più di mille euro
Video e foto sui social all'insaputa di chi è ripreso? Ora si rischia il carcereVideo e foto sui social all'insaputa di chi è ripreso? Ora si rischia il carcere
Commenta con Disqus: Selezionando "Preferisco commentare come ospite" non serve password. Ultime discussioni
blog comments powered by Disqus
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly Version of this pagePrint Get a PDF version of this webpagePDF