Sei in: Home » Articoli

La responsabilità per il danno cagionato da animali

La disciplina di cui all'articolo 2052 del Codice civile
cane borsa
Giovanna Molteni

La responsabilità per il danno cagionato da animali

La responsabilità per il danno cagionato da animali trova la propria disciplina nell'articolo 2052 del Codice civile ai sensi del quale il proprietario di un animale o chi se ne serve per il tempo in cui lo ha in uso, è responsabile dei danni cagionati dall'animale, sia che fosse sotto la sua custodia, sia che fosse smarrito o fuggito, salvo che provi il caso fortuito.
Perché vi sia responsabilità deve sussistere un nesso di causalità tra il fatto dell'animale e l'evento dannoso, deve essere accertato un rapporto di proprietà o di utenza dell'animale in capo al convenuto, il quale può liberarsi soltanto dando prova del caso fortuito.

I presupposti della responsabilità

La responsabilità sancita dall'articolo in esame ricorre, pertanto, tutte le volte che il danno sia stato prodotto, con diretto nesso causale, dal fatto proprio dell'animale secundum o contra naturam, per tale intendendosi qualsiasi atto o moto dell'animale quod sensu caret, che dipenda dalla natura dell'animale medesimo e prescinda dall'agire dell'uomo.
Per uso deve intendersi la piena disponibilità dell'animale diretta all'utilizzo dello stesso secondo la sua natura e la sua destinazione economico-sociale.
L'affidamento dell'animale -per ragioni di custodia, di cura, di governo o di mantenimento- non vale a trasferire il diritto di uso dell'animale e non è idoneo a gravare il terzo della responsabilità per i danni cagionati dall'animale stesso. È, invece, esclusa la responsabilità del proprietario in tutti i casi in cui il danno sia cagionato mentre l'animale sia utilizzato da altri e con il consenso del proprietario per la realizzazione di un interesse autonomo, ancorché diverso da quello che il proprietario avrebbe tratto o di fatto traeva.

La natura della responsabilità

Si discute sulla natura della responsabilità ex articolo 2052 c.c. In particolare, ci si chiede se la responsabilità discenda dalla mancata adozione della diligenza normalmente richiesta in relazione alla natura dell'animale o se la responsabilità del proprietario o dell'utilizzatore dell'animale costituisca la contropartita dei vantaggi connessi all'uso dell'animale, in applicazione del cosiddetto principio dell'utilità e del rischio. Secondo la tesi oggi maggioritaria la responsabilità di cui si discute configura un'ipotesi di responsabilità oggettiva, costituendo espressione del prinicpio ubi commoda, ibi et incommoda.

La prova liberatoria

Per andare esente da responsabilità, il proprietario (o l'utilizzatore) dell'animale che ha causato il danno deve fornire la prova positiva che il danno è stato causato da un evento fortuito, ossia dall'intervento di un fattore esterno che deve presentare i caratteri della imprevedibilità, inevitabilità e assoluta eccezionalità.
All'attore compete solo di provare l'esistenza del rapporto eziologico tra il comportamento dell'animale e l'evento lesivo. Il convenuto deve invece fornire la prova del caso fortuito -che può consistere anche nel fatto del terzo o nella colpa del danneggiato-; deve, cioè, provare l'esistenza di un fattore, estraneo alla sua sfera soggettiva, idoneo ad interrompere il nesso causale, non essendo sufficiente la prova di aver usato la comune diligenza nella custodia dell'animale.
Print Friendly Version of this pagePrint Get a PDF version of this webpagePDF
(09/05/2015 - Giovanna Molteni)
Le più lette:
» Pensioni pagate in più, l'Inps non può chiedere indietro i soldi
» Avvocati: al via la petizione contro la Cassa forense
» In bus senza biglietto: non scendere è reato
» Casalinga quarantenne: sì al mantenimento anche se in grado di lavorare
» Il padre anziano può regalare il patrimonio agli amici anziché lasciarlo alle figlie
In evidenza oggi.
Avvocati: al via la petizione contro la Cassa Forense
Parte da Catania la petizione contro i costi della Cassa Previdenza Forense
Commenta
con Facebook
 
Commenta
con disqus
Commenta con Disqus: Selezionando "Preferisco commentare come ospite" non serve password. Ultime discussioni
blog comments powered by Disqus
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly and PDF