Sei in: Home » Articoli

Cassazione: il factotum di uno studio professionale è dipendente a tutti gli effetti

Cassazione civile, sezione lavoro, sentenza n. 9224 del 7 Maggio 2015 - Prevale la qualificazione degli accordi di fatto sulla forma giuridica scelta
cassazione sentenza
di Licia AlbertazziCorte di Cassazione civile, sezione lavoro, sentenza n. 9224 del 7 Maggio 2015. 

Quando l'assistente factotum di uno studio professionale deve essere considerato collaboratore e quando invece gode dei diritti di un vero e proprio dipendente

Una domanda a cui ci da risposta la Cassazione che si è pronunciata sul ricorso di una veterinaria, titolare di un proprio studio professionale, che aveva chiesto l'annullamento di una pronuncia con cui un suo assistente aveva ottenuto il riconoscimento della qualità di lavoratore subordinato anche se l'inquadramento contrattuale prescelto originariamente dalle parti era quello del collaboratore occasionale.

Dagli accertamenti eseguiti nei gradi di merito infatti è risultato che l'interessato avrebbe svolto mansioni varie, tra cui l'apertura del laboratorio, la regolamentazione dell'afflusso della clientela, l'annotazione degli appuntamenti, l'assistenza infermieristica di supporto, la risistemazione delle attrezzature sanitarie, la cura degli animali, sino alla pulizia dei locali. 

Su queste premesse di fatto, la Corte del merito ha ritenuto, correttamente, che si dovesse dare prevalenza alla qualificazione degli accordi di fatto piuttosto che la forma giuridica che le parti hanno conferito agli stessi, per il principio (di prevalenza della sostanza sulla forma) secondo il cui “la tutela relativa al lavoro subordinato non può essere elusa per mezzo di una configurazione pattizia non rispondente alle concrete modalità di esecuzione del rapporto”. 

Corretta dunque la motivazione della sentenza impugnata. Il ricorso è stato rigettato. Qui sotto in allegato il testo della sentenza.

Vai al testo della sentenza 9224/2015
Print Friendly Version of this pagePrint Get a PDF version of this webpagePDF
(08/05/2015 - Licia Albertazzi)
Le più lette:
» Cassazione: il giudice non può mortificare gli avvocati con compensi irrisori
» Il figlio che non aiuta i genitori commette reato
» Anatocismo: cacciato dalla porta, torna dalla finestra
» Sesso in macchina: cosa si rischia oggi?
» Multe e bolli: come si rottamano e cosa si risparmia
Commenta
con Facebook
 
Commenta
con disqus
Commenta con Disqus: Selezionando "Preferisco commentare come ospite" non serve password. Ultime discussioni
blog comments powered by Disqus
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly and PDF