Cassazione: dovuta IRAP da professionista che si avvale in modo continuativo di servizi esterni

La Corte di Cassazione (Sentenza 10151/2010) ha stabilito che uno studio professionale che ricorre in modo continuativo al lavoro di teri per ottenre servizi che vanno dalla telefonia al segretariato, deve pagare l'IRAP. Se infatti il ricorso a terzi avviene in forma rilevante e continuativa (non occasionale), sussiste il presupposto "dell'esercizio abituale di una attivitą autonomamente organizzata, previsto dall'art. 2, comma 1, del d.lgs. 15 dicembre 1997, n. 446, non rilevando che la struttura posta a sostegno e potenziamento dell'attivitą professionale del contribuente sia fornita da personale dipendente o da un terzo in base ad un contratto di fornitura".
(17/07/2010 - Roberto Cataldi)
In evidenza oggi:
» Fino a 10mila euro di multa per chi abbandona il cane
» Multe: sono nulle quelle fatte dal tutor usato come autovelox
» L'Inps cerca avvocati
» Carceri: ok alla riforma
» Separazione e divorzio: l'Istat modifica le schede dei tribunali


Puoi trovare o lasciare commenti anche nei post che trovi nella nostra Pagina Facebook
Newsletter f g+ t in Rss