Sei in: Home » Articoli

Cassazione: chi evade dai domicialiari per fuggire dalla famiglia non commette reato

carcere deternuto prigione
Non sempre la famiglia è sinonimo di tranquillità. C'è chi addirittura preferisce il carcere agli arresti domiciliari. E' il caso di un uomo di Nocera che, esarperato dai rapporti con la propria famiglia, ha deciso di "evadere" dai domiciliari per farsi riportare in cella. Il caso è poi finito davanti alla suprema Corte che stabilito come in una simile situazione non sussistono i presuppsti del reato di evasione. La decisione è della sesta sezione penale della Corte (sentenza 16673/2010) ch enell aparte motiva spiega che chi si trova agli arresti domiciliari ed "esce dal luogo degli arresti, intenzionalmente, alla presenza dei Carabinieri, al fine di porre consapevolmente in essere una trasgressione idonea a ricondurlo in carcere, data l'impossibile convivenza con i familiari, non commette il reato di evasione". Difetta in un caso del genere il dolo tipico del reato previsto e punito dall'articolo 385 del codice penale.
Tale dolo, spiega la Corte, "consiste nella consapevolezza e volontà di usufruire di una libertà di movimento vietata dal precetto penale". Nel corso del processo l'imputato ha sostenuto di non essersi sottratto ai controllo delia Polizia giudiziaria, che era presente all'atto della bizzarra "evasione". Egli ha semplicemente realizzato una condizione fattuale nei termini che gli erano stati indicati come idonei a determinarne il rientro in carcere.
Altre informazioni su questa sentenza
(30/04/2010 - Roberto Cataldi)
Le più lette:
» Le aree destinate a parcheggio nel condominio
» Tassa rifiuti: va calcolata una sola volta per tutto l'immobile
» Cassazione: la telefonata registrata è una prova e può essere utilizzata in giudizio
» Autovelox: come difendersi dalle contravvenzioni illegittime
» Affido condiviso: fino a 3 anni il bambino può dormire dal padre solo ogni tanto
In evidenza oggi
Multe autovelox: dal 1° agosto potrebbero essere nulleMulte autovelox: dal 1° agosto potrebbero essere nulle
Cassazione: la telefonata registrata è una prova e può essere utilizzata in giudizioCassazione: la telefonata registrata è una prova e può essere utilizzata in giudizio
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly and PDF