Sei in: Home » Articoli

E' licenziabile il dipendente che utilizza la carta di credito aziendale per scopi personali

La Corte di Cassazione, con sentenza 23 marzo 2010, n. 6956 ha stabilito che Ŕ legittimo il licenziamento del dipendente che utilizza indebitamente e consapevolmente la carta di credito aziendale per scopi personali e non per le spese di viaggio e trasferte, inadempiendo in tal modo ad un obbligo che presuppone la massima correttezza. E' inoltre esclusa la possibilitÓ di compensare tali prelievi con somme a credito del lavoratore, in quanto il rapporto di lavoro in essere non consente alcun tipo di compensazione, dovendo i prelievi essere circoscritti alla sola prestazione lavorativa
(01/04/2010 - Francesca Bertinelli)
Le pi¨ lette:
» In vigore il reddito di inclusione: fino a 485 euro al mese
» Addio definitivo alla Siae
» Giardini e terrazzi privati: al via il bonus verde del 36%
» Come funziona la rottamazione "bis" delle cartelle
» ResponsabilitÓ medica: la Cassazione torna sull'onere probatorio della struttura sanitaria
In evidenza oggi
Mammografia: entro 60 giorni o dal privato al costo del ticketMammografia: entro 60 giorni o dal privato al costo del ticket
ResponsabilitÓ medica: la Cassazione torna sull'onere probatorio della struttura sanitariaResponsabilitÓ medica: la Cassazione torna sull'onere probatorio della struttura sanitaria
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly and PDF