Anche se la ex è andata a vivere con un altro e dalla nuova relazione è nato un figlio non viene meno per questo l'obbligo del marito di corrispondere l'assegno divorzile. Parola di Cassazione. Gli Ermellini infatti, con sentenza 1096/2010, hanno chiarito che un nuovo rapporto di convivenza more-uxorio ha caratteristiche di precarietà e quindi i relativi benefici economici che ne possono derivare sono idonei solo a determinare una riduzione dell'assegno posto che l'art. 5 della legge sul divorzio ha inteso tutelare le condizioni minime di autonomia giuridicamente garantite fino a che l'avente diritto con contrae nuove nozze. Neppure la nascita di un figlio, sottolinea la Corte, può giustificare la perdita di quei diritti di carattere economico che derivano dal matrimonio.
Condividi
Feedback

(28/01/2010 - Roberto Cataldi)
In evidenza oggi:
» Bonus 600 euro anche ad avvocati e ordinisti: firmato decreto
» Il reato di maltrattamenti in famiglia nella giurisprudenza