Sei in: Home » Articoli

Licenziamento disciplinare: immutabilitÓ della contestazione

La Cassazione (sentenza n.21795/2009, ) riafferma il proprio orientamento con riferimento al principio di immutabilitÓ della contestazione dell'addebito disciplinare mosso ai sensi dell'art. 7 della legge n. 300/1970: Ŕ preclusa al datore di lavoro la possibilitÓ di licenziare per motivi diversi da quelli esplicitati nella lettera di contestazione, ma non vietato di considerare fatti non contestati, anche se verificatisi oltre 2 anni prima del recesso, quali circostanze affermative della significabilitÓ di altri addebiti posti a base del licenziamento, al fine della valutazione della complessiva gravitÓ, sotto il profilo psicologico, delle inadempienze del lavoratore e della proporzionalitÓ o meno del correlativo provvedimento sanzionatorio dell'imprenditore. Nel caso di specie, la Cassazione ha concluso che Ŕ corretto prendere in considerazione, ai fini di un giudizio complessivo sulla gravitÓ della condotta, anche a fatti di rilevanza disciplinare non indicati nella lettera di contestazione propedeutica al licenziamento, quali circostanze in grado di evidenziare il comportamento ripetutamente insubordinato del lavoratore.
(12/12/2009 - Francesca Bertinelli)
In evidenza oggi:
» Pedoni: multe fino a 100 euro per chi sosta in gruppo sui marciapiedi
» Gratuito patrocinio: l'indennitÓ di accompagnamento non Ŕ reddito
» La chiusura delle indagini preliminari
» Fatturazione elettronica: nessun obbligo per le piccole partite Iva
» Rinnovo porto d'armi difesa personale

'codice widgetpack temporaneamente spostato nella raccolta codici
Newsletter f g+ t in Rss