Sei in: Home » Articoli

Privacy: troppi dati agli sportelli bancari e postali

Il Garante per la protezione dei dati personali (Newsletter del 25.11.2005) ha reso noto di aver emanato un provvedimento nel quale ha stabilito che le banche e gli uffici postali devono limitare la richiesta di documenti di riconoscimento dei loro clienti ai soli casi indispensabili. L'Autorità ha inoltre precisato che non sempre è necessario trattenere la fotocopia del documento per effettuare operazioni bancarie o postali e che occorre evitare di acquisire più volte copia dei documenti già disponibili. Nel provvedimento, il Garante ha infine prescritto a banche e uffici postali di adottare modalità proporzionate nella richiesta di identificazione dei clienti e di limitarsi a conservare copia del documento solo nei casi stabiliti dalla legge. Infine, il Garante ha richiamato l'attenzione sulla necessità di adottare opportune cautele affinché si evitino inutili letture dei dati che permettano l’ascolto da parte di soggetti estranei, assicurando sempre l’opportuno riserbo nelle operazioni di sportello.
(15/12/2005 - Avv.Cristina Matricardi)
In evidenza oggi:
» Reato per la madre che non fa vedere i figli al padre
» Anas cerca avvocati penalisti
» La sospensione condizionale della pena
» Gratuito patrocinio: se il ricorso inammissibile addio compenso all'avvocato
» Bollette gas: dal 1 gennaio prescrizione ridotta a 2 anni

Newsletter f g+ t in Rss