Sei in: Home » Articoli
 » Condominio

Cassazione: legittimazione ad agire dell?amministratore condominiale

La Seconda Sezione Civile della Corte di Cassazione (Sent. 16240/2003) ha stabilito che l'amministratore del condominio Ŕ legittimato ad agire e resistere in giudizio, senza necessitÓ di alcuna preventiva autorizzazione assembleare, non solo per l'esecuzione delle delibere dell'assemblea, ma anche per garantire l'osservanza del regolamento condominiale e tutelare conseguentemente la condominialitÓ dagli effetti lesivi della inosservanza dello stesso. Con questa decisione la Corte, sulla base del disposto degli artt. 1130 n. 1 e 1131 1^ comma del codice civile, ha ritenuto legittima l'azione promossa dall'amministratore del condominio contro la violazione del divieto di destinare locali di proprietÓ esclusiva a determinati usi.
(13/02/2004 - Avv.Cristina Matricardi)
Le pi¨ lette:
» La cambiale - Guida Legale
» Aspettativa non retribuita: cos'Ŕ e come si ottiene
» Carta identitÓ elettronica: come si richiede
» Le diverse tipologie di servit¨
» Rischia il carcere senza condizionale il padre che non mantiene i figli
In evidenza oggi
Cassazione: lei ci sta poi ci ripensa? Resta grave la violenza sessualeCassazione: lei ci sta poi ci ripensa? Resta grave la violenza sessuale
Cassazione: il pedone non ha sempre ragioneCassazione: il pedone non ha sempre ragione


Puoi trovare o lasciare commenti anche nei post che trovi nella nostra Pagina Facebook
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly and PDF