Sei in: Home » Articoli
 » Avvocatura

Avvocatura di Diritto Infermieristico: Il computo dell'indennità risarcitoria da licenziamento illegittimo in caso di rifiuto all'invito di reintegra.

Medici in sala operatoria
Alcuni infermieri hanno impugnato vittoriosamente il proprio licenziamento che il tribunale ha dichiarato illegittimo. Cosa fare se in corso di causa o alla sentenza l'infermiere trovasse un nuovo lavoro, migliore del precedente e ben remunerato? Cosa succederebbe se l'infermiere rifiutasse l'ordine di reintegrazione del giudice? Si deve pagare una penale o, al contrario, sarà il datore di lavoro a pagare per aver liberato un posto di lavoro? Capita, ora raramente, che a seguito di licenziamento illegittimo, così dichiarato all'esito di un ricorso ex art. 18, L. n. 300/70, l'infermiere in servizio presso una società cooperativa, una casa di cura o nel S.S.N., decida di rifiutare l'invito, rivolto dal datore ma deciso dal giudice, di reintegrazione nel posto di lavoro precedentemente occupato ... Continua a leggere (articolo in PDF)
(29/08/2013 - Mauro Di Fresco)
In evidenza oggi:
» In arrivo più ferie e ponti per tutti
» Avvocati: addio contributo minimo integrativo
» Facebook: reato di diffamazione aggravata anche per chi commenta
» La Consulta boccia l'art. 92 post riforma
» Responsabilità medica: l'art. 590-sexies e l'intervento delle Sezioni Unite


Puoi trovare o lasciare commenti anche nei post che trovi nella nostra Pagina Facebook
Newsletter f g+ t in Rss
RIMEDI ALTERNATIVI AL REPECHAGE IN IPOTESI DI LICENZIAMENTO PER GIUSTIFICATO MOTIVO OGGETTIVO DETERMINATO DA RIORGANIZZAZIONE AZIENNDALE PER RIDUZIONE DI PERSONALE OMOGENEO E FUNGIBILE