Sei in: Home » Articoli

Adiconsum, Poste Italiane attivi la conciliazione per i disagi subiti dai consumatori

poste italiane
Il nuovo black out della rete informatica di Poste Italiane ha catturato l'attenzione dell'associazione Adiconsum: il segretario generale Pietro Giordano ha infatti dichiarato che “è inconcepibile che un'azienda come Poste non sia dotata di un piano di sicurezza in caso di guasto della sua rete”. Lo stesso Giordano ha invitato Poste Italiane ad attivare le normali procedure di conciliazione a favore dei consumatori che hanno subito disagi, e ha fatto sapere attraverso un comunicato stampa che la sua associazione si è già attivata presso Poste affinché questo possa accadere a beneficio delle vittime. Nello specifico, l'associazione ha chiesto a Poste Italiane che “vengano riconosciuti i danni documentati dalla clientela e che venga riconosciuto il disagio subito particolarmente dalle categorie più deboli, pensionati, portatori di handicap, ecc.”, e che “a differenza delle conciliazioni già in essere, siano eliminati i tetti economici e le scadenze”. Adiconsum ha inoltre invitato gli stessi consumatori a rivolgersi all'associazione presso le sedi territoriali sparso lungo lo stivale facendo riferimento agli indirizzi riportati nella sezione “Dove siamo” del sito ufficiale, o inviando direttamente un messaggio di posta elettronica all'indirizzo comunicazioni@adiconsum.it rendendo noti all'associazione i disagi subiti a causa dei disservizi riscontrati negli uffici postali. I consumatori che avrebbero nei giorni scorsi subito maggiori danni sarebbero stati coloro che si apprestavano a pagamenti e riscossioni in scadenza, o si erano recati in posta per spedire lettere o pacchi con una certa urgenza.
(17/03/2012 - A.V.)
In evidenza oggi:
» Mantenimento figli: le linee guida del Cnf sulle spese ordinarie e straordinarie
» Insetti a tavola: dal 1° gennaio in vigore il nuovo regolamento europeo
» Stalking: il reato di "atti persecutori"
» Avvocati: firmato il nuovo decreto sui compensi
» Avvocati: ecco le nuove tariffe


Puoi trovare o lasciare commenti anche nei post che trovi nella nostra Pagina Facebook
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly and PDF