Il Garante della Privacy in merito ai recenti episodi che hanno interessato un professore dell’università di Camerino, ha ritenuto opportuno richiamare gli addetti all’informazione, televisiva e della carta stampata, sulla liceità delle notizie ed immagini che, anche se opportunamente oscurate nel volto, sono state diffuse, esponendo le studentesse coinvolte al rischio di un sempre possibile riconoscimento della loro identità. Ciò, perché, indipendentemente dalla posizione assunta dalle ragazze nella raccapricciante vicenda, la tutela e difesa della loro privacy, non deve venire meno.. anzi! Allo stato dei fatti, non si è ritenuto quindi opportuno che le stesse corressero il rischio anche solo potenziale di essere identificate.

Condividi
Feedback

(28/02/2002 - Avv.Cristina Matricardi)
In evidenza oggi: