Lo statuto dei lavoratori

Cos'è lo statuto dei lavoratori e cosa disciplina. Breve panoramica di tutte le disposizioni più importanti della legge 300/1970 con il testo


Indice della guida

A cura di: Aldo Carpineti - (Indice della guida)

Lo Statuto dei lavoratori è il nome con il quale è nota lalegge numero 300/1970, ovverosia una delle più importanti fonti normativeitaliane che disciplinano il diritto del lavoro e il diritto sindacale.

Indice:


  1. Cos'è lo statuto dei lavoratori
  2. Il contenuto dello statuto dei lavoratori
  3. Statuto dei lavoratori: libertà e dignità del lavoratore
  4. Statuto dei lavoratori: libertà sindacale
  5. Statuto lavoratori: repressione condotta antisindacale
  6. I reati dello statuto dei lavoratori

Cos'è lo statuto dei lavoratori

Lo statuto dei lavoratori, infatti, contiene le principalinorme che regolamentano lo svolgimento dei rapporti lavorativi, come l’agiredel sindacato all’interno dell’azienda, i diritti sindacali, le proceduredisciplinari e una delle più importanti tutele contro i licenziamentiillegittimi, dettata dal famoso articolo 18.

Si tratta del frutto di decenni di studi, proposte etentativi di regolazione tesi a rispondere all’esigenza di creare un dirittodel lavoro post-fascista e di adeguarsi alla mutata rilevanza dei rapportilavorativi.

Prima del 1970, infatti, la normativa giuslavoristica esindacale italiana era esigua, incompleta e sotto molti aspetti non piùadeguata ai tempi.

Il contenuto dello statuto dei lavoratori

Lo statuto dei lavoratori contiene molteplici previsioni chedisciplinano diversi aspetti della vita lavorativa e sindacale, in maniera, aseconda dei casi, più o meno approfondita.

I titoli che lo compongono sono cinque: uno dedicato alladignità del lavoratore, due alla libertà e alle attività sindacali, il quartoche detta delle disposizioni di carattere generale, il quinto che era dedicatoal collocamento ma le cui norme sono state abrogate dal decreto legislativonumero 297/2002 e l’ultimo che contiene le disposizioni finali e penali.

Statuto dei lavoratori: libertà e dignità del lavoratore

Come appena accennato, il titolo I dello statuto deilavoratori è dedicato alla libertà e alla dignità del lavoratore.

In esso, ad esempio, vengono sanciti la libertà di opinionedi tutti i lavoratori nei luoghi in cui prestano la loro opera e il divieto diindagini sulle opinioni e sono dettate la disciplina sulle guardie  giurate e il personale di vigilanza e quellasugli accertamenti sanitari e sulle visite personali di controllo. Sono poiregolamentate le tutele per i lavoratori studenti e le attività culturali,ricreative e assistenziali promosse dall’azienda.

Ma le disposizioni di certo più importanti del titolo Idello statuto dei lavoratori sono rappresentate dall’articolo 4 e dall’articolo7.

Il primo, nel dettaglio, detta la disciplina in materia diimpianti audiovisivi e altri strumenti di controllo dei lavoratori, di recenteriformata dal jobs act.

L’articolo 7, invece, si occupa di sanzioni disciplinari,enucleando la procedura da seguire per la loro applicazione.

Statuto dei lavoratori: libertà sindacale

Il titolo II della legge 300/1970 è invece dedicato allalibertà sindacale. Gli articoli da 14 a 17 dettano infatti delle importantiprevisioni tese ad assicurarne l’esercizio dai parte dei lavoratori.

Ci si riferisce, in particolare, alle norme che sancisconoil divieto di discriminazione in ragione dell’adesione a un sindacato, lalibertà dei lavoratori non solo di aderire al sindacato più vicino alle loroideologia ma anche di non aderire ad alcun sindacato, la disciplina deisindacati di comodo (che sono quelli costituiti o sostenuti dai datori dilavoro).

Il titolo si conclude con la norma “regina” dello statutodei lavoratori: l’articolo 18, dedicato alle tutele contro i licenziamentiillegittimi dei lavoratori assunti sino al 7 marzo 2015 e che non rientrano nelcampo di applicazione dell’articolo 8 della legge 604/1966. Ai lavoratoriassunti a tempo indeterminato dopo la predetta data si applica il cd. contrattoa tutele crescenti, introdotto dal Jobs Act.

Vai alle guide:

- L’articolo 18 dello statuto dei lavoratori

- Il contratto a tutele crescenti

Statutodei lavoratori: l’attività sindacale

Il titolo III dello statuto disciplina l’attività sindacalesui luoghi di lavoro.

Particolarmente importanti sono le previsioni chedisciplinano il cc.dd. diritti sindacali, tra i quali si segnalano:

  • il diritto di assemblea
  • il referendum
  • il diritto di affissione
  • il diritto all’utilizzo dei locali.

Da non trascurare è poi l’articolo 19, che si occupa dellacostituzione delle rappresentanze sindacali aziendali e che ha avuto unpercorso tormentato, segnato dalle modifiche apportate dal d.p.r. numero312/1995 e dalla parziale illegittimità costituzionale decretata dalla Consultacon la sentenza numero 231/2013.

Statuto lavoratori: repressione condotta antisindacale

Tra le previsioni varie e generali dettate dal titolo IVdello statuto, merita una particolare menzione l’articolo 28, che si occupadella repressione della condotta antisindacale.

La disposizione disegna infatti una procedura del tutto peculiarerispetto a quella giudiziaria ordinaria, che prevede una fase preliminare esommaria, attivata dagli organismi locali delle associazioni sindacalinazionali che vi abbiano interesse e che si conclude con decreto.

Contro il decreto è possibile proporre opposizione dinanzial giudice del lavoro e avviare così un giudizio vero e proprio, che siconclude con sentenza e che segue la disciplina dettata dagli articoli 413 eseguenti del codice di procedura civile.

I reati dello statuto dei lavoratori

Come abbiamo accennato sopra, l’ultimo titolo dello statutodei lavoratori detta le disposizioni finali e penali.

Proprio con riferimento a queste ultime, le violazioni dellalegge numero 300/1970 che integrano reato (contravvenzionale) sono quelle dellenorme che:

  • dettano la disciplina delle guardie giurate,
  • dettano la disciplina degli accertamenti sanitari,
  • dettano la disciplina delle visite personali di controllo,
  • sanciscono il divieto di subordinare l’occupazione di un lavoratore alla condizione che aderisca o non aderisca a una associazione sindacale o cessi di farne parte.

Vai al testo dello statuto dei lavoratori, testo integrale della legge n. 300/1970


 Il testo della legge n. 300/1970 (c.d. Statuto dei Lavoratori)

Aldo Carpineti (www.aldocarpineti.it -  aldocarpineti@aldocarpineti.it)
Condividi
Seguici
Feedback

Newsletter f t in Rss