La legge sulla concorrenza 2022, che si occupa anche di rifiuti e trasporto pubblico, è stata approvata definitivamente dal Senato il 2 agosto 2022

Legge concorrenza 2022: sì definitivo

[Torna su]

La legge concorrenza 2022, nel testo definitivo (sotto allegato) ha ricevuto il via libera definitivo del Senato nella giornata di martedì 2 agosto 2022: 161 i voti a favore, 21 i contrari e solo 2 gli astenuti. Il via libera definitivo da parte del Senato è arrivato, come anticipato, prima della pausa estiva. Al prossimo Governo il compito di mettere in atto le deleghe.

Uno dei temi più caldi del provvedimento è rappresentato sicuramente dalle concessioni balneari.

Il testo affronta però altri temi assai delicati come i servizi pubblici locali, l'energia, la sostenibilità ambientale, i farmaci e i servizi premium, per i quali è necessaria l'acquisizione preventiva del consenso.

Confermato in sede definitiva l'art. 28, che sancisce la compatibilità dell'esercizio dell'attività di agente immobiliare con quella di dipendente o collaboratore di imprese esercenti l'attività di mediazione creditizia e la compatibilità dell'attività di mediazione creditizia con le attività di mediazione di assicurazione o di riassicurazione, di consulenza finanziaria e di agente immobiliare, fermi restando i rispettivi obblighi di iscrizione nel relativo elenco, registro, albo o ruolo.

Accelerate le tempistiche per la comunicazione unica in caso di nascita dell'impresa: "Le amministrazioni competenti comunicano all'interessato e all'ufficio del registro delle imprese, per via telematica, immediatamente il codice fiscale e la partita IVA ed entro i successivi quattro giorni gli ulteriori dati definitivi relativi alle posizioni registrate."

Concessioni balneari

Al fine di rendere più dinamico il meccanismo concorrenziale delle concessioni il Governo è delegato ad adottare uno o più decreti legislativi finalizzati a riordinare e semplificare la disciplina delle concessioni, comprese quelle marittime entro 6 mesi dall'entrata in vigore della legge "su proposta del Ministro delle infrastrutture e della mobilità sostenibili e del Ministro del turismo, di con- certo con il Ministro della transizione eco- logica, il Ministro dell'economia e delle finanze, il Ministro dello sviluppo economico e il Ministro per gli affari regionali e le autonomie, previa intesa in sede di Conferenza unificata."

I decreti dovranno essere adottati nel rispetto di determinati principi e criteri, tra i quali:

  • determinazione dei criteri omogenei per individuare aree suscettibili di affidamento in concessione, assicurando l'equilibrio dei quattro tra le aree demaniali in concessione e quelle libere o libera attrezzate, oltre la presenza di varchi per il libero e gratuito accesso e transito per il raggiungimento della battigia antistante l'area ricompresa nella concessione anche per finalità di balneazione;
  • affidamento delle concessioni in base a procedure selettive dovranno svolgersi nel rispetto dei principi di imparzialità, non discriminazione, parità di trattamento, partecipazione massima, trasparenza e adeguata pubblicità

Leggi anche Spiaggia pubblica

Rinviato il tema "indennizzi"

Ancora da risolvere il tema degli indennizzi da riconoscere ai concessionari uscenti a carico di quelli che subentrano. Detto compito viene rimesso nello specifico ai decreti attuativi che avranno il compito di definire criteri uniformi per la quantificazione dei rimborsi suddetti.

I decreti attuativi dovranno inoltre determinare criteri omogenei per l'individuazione delle aree suscettibili di affidamento in concessione, assicurando l'adeguato equilibrio tra le aree demaniali in concessione e le aree libere o libere attrezzate, definire la garanzia dei varchi per l'accesso libero e gratuito e criteri uniformi per determinare i canoni annuali.

Concessioni idroelettriche e per la distribuzione di gas naturale

[Torna su]

Le procedure di assegnazione delle concessioni di grandi derivazioni idroelettriche sono avviate entro due anni dalla data di entrata in vigore della legge regionale di cui al comma 1-ter e comunque non oltre il 31 dicembre 2023. Alle regioni il dovere di comunicare tempestivamente al Ministero delle infrastrutture e della mobilità sostenibili l'avvio e gli esiti delle procedure di assegnazione delle concessioni di grandi derivazioni idroelettriche. Decorso il termine sopra indicato il Ministero propone l'esercizio del potere sostitutivo.

Per le concessioni di grandi derivazioni idroelettriche che prevedono un termine di scadenza anteriore al 31 dicembre 2024, comprese quelle già scadute, le regioni potranno consentire la prosecuzione dell'esercizio della derivazione e la conduzione delle opere e dei beni passati in proprietà delle regioni in favore del concessionario uscente, per il tempo strettamente necessario al completamento delle procedure di assegnazione e comunque non oltre tre anni dalla data di entrata in vigore della disposizione che regolamenta questo aspetto, stabilendo anche l'ammontare del corrispettivo che i concessionari uscenti devono versare all'amministrazione regionale.

Al fine di valorizzare in modo adeguato le reti di distribuzione del gas di proprietà degli enti locali e di rilanciare gli investimenti nel settore della distribuzione del gas naturale si provvede ad accelerare anche le procedure per l'effettuazione delle gare per il servizio di distribuzione di gas naturale.

Trasporto pubblico locale

[Torna su]

Per promuovere l'affidamento dei servizi del trasporto pubblico sia locale che regionale con procedure ad evidenza pubblica, le regioni a statuto ordinario sono tenute a attestare la pubblicazione, entro il 31 dicembre dell'anno precedente di determinate informazioni o dei bandi di gara ovvero l'avvenuto affidamento di tutti i servizi di trasporto pubblico locale e regionale con scadenza entro il 31 dicembre dell'anno di trasmissione dell'attestazione.

L'omessa pubblicazione, entro il 31 dicembre dell'anno precedente, delle informazioni suddette o del bando di gara o in caso di mancato affidamento dei servizi di trasporto pubblico locale e regionale con scadenza entro il 31 dicembre dell'anno di trasmissione dell'attestazione il Ministro delle infrastrutture e della mobilità sostenibili propone l'esercizio del potere sostitutivo per avviare le procedure di affidamento.

Farmaci equivalenti e standby sul prezzo

[Torna su]

Ai farmaci iil testo dedica due articoli. L'art. 17 prevede che i produttori di farmaci equivalenti possono presentare all'AIFA un'istanza per il rilascio dell'autorizzazione all'immissione in commercio (AIC) e un'istanza per la determinazione del prezzo e la classificazione ai fini della rimborsabilità del medicinale, prima che scada il brevetto o il certificato di protezione complementare.

L'art 18 invece, dedicato ai farmaci in attesa di definizione del prezzo prevede che, in caso di mancata presentazione entro trenta giorni dal rilascio dell'autorizzazione all'immissione in commercio di un medicinale, l'AIFA debba sollecitare l'azienda titolare della relativa autorizzazione all'immissione in commercio a presentare la domanda di classificazione entro i successivi 30 giorni.

Decorso inutilmente questo termine, è data informativa nel sito internet dell'AIFA ed è applicato l'allineamento al prezzo più basso all'interno del quarto livello del sistema di classificazione anatomico terapeutico chimico.

Gestione dei rifiuti

[Torna su]

ARERA avrà il compito di definire gli standard tecnici e qualitativi adeguati per lo svolgimento dell'attività di smaltimento e recupero dei rifiuti, verificando il rispetto dei livelli minimi di qualità e la copertura dei costi efficienti.

L'Autorità richiederà inoltre agli operatori tutta una serie di informazioni ulteriori, al fine di monitorare le concrete modalità di smaltimento e recupero e l'incidenza sui corrispettivi che vengono applicati agli utenti finali.

Accreditamento strutture sanitarie private

[Torna su]

L'accreditamento richiesto da nuove attività collocate in strutture preesistenti o da nuove strutture potrà essere concesso in base alla qualità e ai volumi dei servizi offerti, ma anche tenendo conto dei risultati dell'attività svolta. La qualità, la sicurezza e la appropriatezza delle attività erogate saranno definite con un decreto del Ministero della salute da adottare in sede di Conferenza permanente.

Scarica pdf Legge concorrenza 2022

In evidenza oggi: