Il termine di inizio del procedimento disciplinare secondo le regole dettate dalla recente sentenza del Tar Lombardia Milano
fascicolo legge militare

Termine inizio azione disciplinare, la decisione del Tar

Come era avvenuto anche in occasione di precedenti pronunce, anche il Tar Lombardia - Milano ha avuto modo di analizzare la questione relativa al termine di inizio dell'azione disciplinare a carico del militare che abbia commesso fatti reato.

La pronuncia è la numero 1362/2021, per mano della Sezione 4 del predetto Collegio giudicante.

In buona sostanza, la soluzione del caso offerta dal Tar sulla questione che ci interessa si può riassumere nei termini seguenti.

Termine di inizio dell'azione disciplinare

Il termine di inizio dell'azione disciplinare a carico di un militare, che abbia commesso fatti reato, va individuato nella conoscenza integrale della sentenza.

Ciò ai sensi dell'art. 1392 d. lgs. n. 66/2010.

Conoscenza effettiva della sentenza

Concetto che vuole riferirsi ad una situazione di conoscenza effettiva del testo integrale della pronuncia del giudice penale, in relazione ai suoi elementi costitutivi.

Gli elementi costitutivi cui ci riferiamo sono tre:

1) dispositivo
2) motivazione
3) irrevocabilità.

Se questo è vero, qual'è dunque la logica sottesa a questa interpretazione formalistica che regolamenta la fissazione del dies a quo?

Ratio dell'interpretazione formalistica

Ebbene, la ratio di tale approdo interpretativo si può ricondurre, a parere della magistratura amministrativa di primo e secondo grado, all'esigenza di consentire alla pubblica amministrazione di acquisire e valutare compiutamente gli elementi di interesse ai fini della sussistenza o meno dei presupposti per l'avvio del procedimento disciplinare.

Si badi, avverte il Collegio, che la stringente formalità di cui si parla è prevista soprattutto nell'interesse dell'incolpato.

In definitiva: per conoscenza integrale del provvedimento giudiziale si deve intendere la conoscenza giuridicamente certa, derivante dall'acquisizione di copia conforme del ridetto provvedimento.

Il Consiglio di Stato ha chiarito che al fine di far decorrere il termine è necessario che la sentenza sia stata formalmente trasmessa e conosciuta dall'amministrazione nella sua integralità, munita dell'attestazione dell'irrevocabilità.


Altre informazioni?
Contatta l'Avv. Francesco Pandolfi
3286090590
mail: studiopandolfimariani@gmail.com
Francesco Pandolfi
Francesco Pandolfi | Avvocato
E-mail: francesco.pandolfi66@gmail.com - Tel: 328.6090590
Recapiti: Via Giacomo Matteotti 147, 4015 Priverno LT
Si occupa principalmente di Diritto Militare in ambito amministrativo, penale, civile e disciplinare ed и autore di numerose pubblicazioni in materia.
Altre informazioni su questo argomento? Richiedi una consulenza all'Avv. Pandolfi
Condividi
Feedback

Foto: 123rf.com
In evidenza oggi: