Depositata la sentenza della Consulta che dichiara incostituzionale il carcere per i giornalisti che commettono reato di diffamazione se previsto come obbligatorio, non quando è una pena alternativa
giornali freschi di stampa su un tavolo

Carcere obbligatorio per i giornalisti in caso di diffamazione

[Torna su]

Incostituzionale solo la norma che contempla il carcere obbligatorio per il giornalista che commetta reato di diffamazione a mezzo stampa, non la disposizione del codice penale che lo prevede come pena alternativa quando il reato risulta assai lesivo della dignità della persona. Queste in estrema sintesi le conclusioni contenute nella sentenza della Corte Costituzionale n. 150/2021 (sotto allegata) sulla questione del carcere per il giornalisti e già annunciato con un comunicato di fine giugno.

Legittimità della pena detentiva in caso di diffamazione a mezzo stampa

[Torna su]

Il Tribunale di Salerno solleva questione di legittimità costituzionale dell'art. 595, terzo comma c.p e dell'art. 13 della legge 8 febbraio 1948, n. 47 (Disposizioni sulla stampa) per violazione degli articoli 3, 21, 25, 27 e 117, primo comma, della Costituzione, quest'ultimo in relazione all'art. 10 della Convenzione europea dei diritti dell'uomo (CEDU).

Il Tribunale ordinario di Bari, sezione prima penale invece solleva questione di legittimità costituzionale dell'art. 13 della legge n. 47 del 1948 "in combinato disposto con l'art. 595 cod. pen., nella parte in cui sanziona il delitto di diffamazione aggravata, commessa a mezzo stampa e consistente nell'attribuzione di un fatto determinato, con la pena cumulativa della reclusione da uno a sei anni e della multa non inferiore a 256 [recte: 258] euro, invece che in via alternativa" per contrasto con l'art. 117, primo comma, Cost., in relazione all'art. 10 CEDU.

Come sintetizza abilmente la Consulta i due Tribunali sollevano questioni similari, ossia la compatibilità con la Costituzione, alla luce della giurisprudenza della Corte Europea dei diritti dell'uomo, della previsione di pene detentive per il "delitto di diffamazione commesso a mezzo della stampa. E ciò con riguardo all'art. 13 della legge n. 47 del 1948, che commina la reclusione in via cumulativa rispetto alla pena pecuniaria, allorché la diffamazione a mezzo stampa consista nell'attribuzione di un fatto determinato; nonché (...) con riguardo anche all'art. 595, terzo comma, cod. pen., che prevede la reclusione in via meramente alternativa rispetto alla pena pecuniaria per il caso di diffamazione col mezzo della stampa o con qualsiasi altro mezzo di pubblicità, ovvero in atto pubblico."

Corretto ritenere incostituzionale la pena detentiva obbligatoria

[Torna su]

Per la Consulta è fondata la questione di costituzionalità sollevata in ordine all'art. 13 della legge n. 47 del 1948, per violazione degli artt. 21 e 117, primo comma, Cost., in relazione all'art. 10 CEDU.

Spiega la Corte che: "la disposizione censurata prevede una circostanza aggravante per il delitto di diffamazione, integrata nel caso in cui la condotta sia commessa col mezzo della stampa e consista nell'attribuzione di un fatto determinato. Essa costituisce lex specialis rispetto alle due aggravanti previste dall'art. 595 cod. pen., secondo e terzo comma, che prevedono cornici sanzionatorie autonome e più gravi rispetto a quelle stabilite dal primo comma, rispettivamente nel caso in cui l'offesa all'altrui reputazione consista nell'attribuzione di un fatto determinato e in quello in cui l'offesa sia recata col mezzo della stampa o con qualsiasi altro mezzo di pubblicità, ovvero in atto pubblico. La pena prevista dall'art. 13 della legge n. 47 del 1948 è quella della reclusione da uno a sei anni e della multa non inferiore a euro 258. Le due pene - detentiva e pecuniaria - sono dunque previste in via cumulativa, il giudice essendo tenuto ad applicarle indefettibilmente entrambe; e ciò a meno che non sussistano, nel caso concreto, circostanze attenuanti giudicate prevalenti o, almeno, equivalenti all'aggravante in esame."

Ed è proprio la previsione della pena detentiva a ogni costo che rende la norma incompatibile con il diritto a manifestare il proprio pensiero, riconosciuto dall'art. 21 Cost. E dall'art. 10 CEDU. Detta sanzione risulta infatti ormai incompatibile con la necessità di "non dissuadere, per effetto del timore della sanzione privativa della libertà personale, la generalità dei giornalisti dall'esercitare la propria cruciale funzione di controllo sull'operato dei pubblici poteri."

Non è incostituzionale il carcere come sanzione alternativa

[Torna su]

Non fondate invece per la Corte le questioni d'incostituzionalità che investono l'art. 595, comma 3 c.p, che prevede l'aggravante del reato di diffamazione quando commesso a mezzo stampa, con altro mezzo di pubblicità o con atto pubblico. In questo caso, osserva la Consulta, la pena solo alternativa della detenzione, non può ritenersi in contrasto con l'art. 21 della Costituzione e con l'art. 10 della Convenzione Europea dei diritti dell'Uomo in quanto, se è vero che la libertà di manifestazione del pensiero esercitata a mezzo stampa è una pietra angolare di ogni ordinamento democratico, non meno importante è la reputazione individuale legata alla dignità della persona.

Attacchi del tutto illegittimi a tale diritto e realizzati con il mezzo della stampa o con alti mezzi di comunicazione ad alta diffusività possono incidere fortemente su ogni aspetto della vita della vittima del reato. Da qui la necessità di scongiurare la realizzazione di simili pregiudizi attraverso il corretto bilanciamento con la libertà di manifestazione del pensiero, che si esprime nelle forme tipiche del diritto di cronaca e di critica.

Nei casi in cui la diffamazione a mezzo stampa si realizza con eccessiva gravità la pena detentiva non è infatti incompatibile con l'esigenza di tutelare la dignità della persona. Pensiamo ai casi identificati dalla Corte di Strasburgo d'istigazione all'odio, alla violenza o alla realizzazione di campagne di disinformazione messe in atto attraverso la diffusione a mezzo stampa di addebiti gravemente lesivi della reputazione della vittima o compiute pur sapendo della oggettiva e dimostrabile falsità di detti addebiti.

"Chi ponga in essere simili condotte - eserciti o meno la professione giornalistica - certo non svolge la funzione di "cane da guardia" della democrazia, che si attua paradigmaticamente tramite la ricerca e la pubblicazione di verità "scomode"; ma, all'opposto, crea un pericolo per la democrazia, combattendo l'avversario mediante la menzogna, utilizzata come strumento per screditare la sua persona agli occhi della pubblica opinione. Con prevedibili conseguenze distorsive anche rispetto agli esiti delle stesse libere competizioni elettorali."

Ne consegue che l'applicazione circoscritta della detenzione non è in grado d'intimidire i giornalisti tanto da scoraggiarli a svolgere, attraverso l'esercizio della loro professione, una funzione sociale così importante per una società democratica. Al di fuori di questi casi eccezionali però il carcere deve restare escluso per il giornalista, così come per chiunque manifesti il suo pensiero attraverso il mezzo della stampa "restando aperta soltanto la possibilità che siano applicate pene diverse dalla reclusione, nonché rimedi e sanzioni civili o disciplinari, in tutte le ordinarie ipotesi in cui la condotta lesiva della reputazione altrui abbia ecceduto dai limiti del legittimo esercizio del diritto di cronaca o di critica."

Questa pertanto la lettura corretta dell'art. 595 comma 3 c.p: "il giudice penale dovrà optare per l'ipotesi della reclusione soltanto nei casi di eccezionale gravità del fatto, dal punto di vista oggettivo e soggettivo, rispetto ai quali la pena detentiva risulti proporzionata, secondo i principi poc'anzi declinati; mentre dovrà limitarsi all'applicazione della multa, opportunamente graduata secondo la concreta gravità del fatto, in tutte le altre ipotesi."

La Corte ribadisce infine la necessità di riformare l'intero sistema per individuare un complesso sanzionatorio che non produca un effetto intimidatorio sui giornalisti e che garantisca nel contempo una tutela adeguata della reputazione individuale.

Leggi anche Diffamazione, carcere per i giornalisti solo nei casi di estrema gravità

Scarica pdf Corte Costituzionale n. 150/2021
Vedi anche:
- Guida sulla diffamazione
- La diffamazione a mezzo stampa
Condividi
Feedback

Foto: 123rf.com
In evidenza oggi: