Per il CNDCEC i futuri organi giudicanti «dovranno essere composti da soggetti appartenenti al ruolo dei magistrati tributari, selezionati con concorso pubblico»
bilancia in aula di tribunale concetto giustizia

Riforma della giustizia tributaria, commercialisti in audizione

[Torna su]

Per il Consiglio nazionale dei dottori commercialisti e degli esperti contabili i futuri organi giudicanti dovranno essere composti da soggetti appartenenti al ruolo dei magistrati tributari, selezionati con concorso pubblico. È una delle proposte emerse nel corso dell'audizione del Consiglio davanti alla Commissione interministeriale per la riforma della giustizia tributaria. A questo si aggiunga la richiesta, come spiega il sito ufficiale e del Cndcec di «Trasferire la fase di reclamo e mediazione del processo tributario dinanzi ad un organo terzo e indipendente rispetto alle parti in causa per le liti di valore non superiore a 50mila euro».

Cndcec e organi giudicanti, la composizione

[Torna su]

Gli organi giudicanti «dovranno essere composti da soggetti appartenenti al ruolo dei magistrati tributari, selezionati con concorso pubblico che privilegi titoli di studio e servizio in materia tributaria e di contabilità e bilancio, assicurando l'accesso al concorso non solo ai laureati in giurisprudenza, ma anche in economia. Magistrati che, una volta vinto il concorso, siano a tempo pieno, professionali e specializzati, ma soprattutto sottoposti all'obbligo di formazione continua. Per questo motivo, sarebbe necessario istituire una Scuola Superiore della Magistratura Tributaria per garantire loro la formazione e l'aggiornamento professionale continuo».

Nello specifico dovrebbe uscirne «un organo monocratico per le liti fino a 3mila euro e un organo collegiale per le liti di valore superiore fino a 50mila euro, composto da un giudice tributario cessato dal servizio e da due componenti nominati sulla base delle loro competenze tecniche, rispettivamente, dall'amministrazione finanziaria attraverso gli organi di vertice e dai Consigli nazionali degli avvocati e dei dottori commercialisti e degli esperti contabili, selezionati in base a una procedura pubblica per titoli e che abbiano una qualificata esperienza nella materia tributaria di durata almeno decennale».

Pnrr e smaltimento dell'arretrato

[Torna su]

Come da programma il Piano nazionale di resilienza e resistenza potrebbe contribuire a smaltire l'enorme arretrato che soprattutto riguardo il terzo grado di giudizio presso la Corte di Cassazione, l'imbuto della giustizia tributaria, dove cioè si dilatano i tempi per ottenere una sentenza definitiva.

A tal proposito, i commercialisti hanno spiegato «è necessario prevedere il rafforzamento delle dotazioni di personale e un intervento, mediante adeguati incentivi economici, per il personale ausiliario. Si potrebbe non solo introdurre il tentativo di conciliazione giudiziale obbligatoria da affidare ai proposti nuovi organi di reclamo/mediazione in composizione collegiale, ma anche coinvolgere nei collegi giudicanti i giudici di legittimità a riposo con un'esperienza almeno biennale».

Condividi
Feedback

Foto: 123rf.com
In evidenza oggi: