L'Inps comunica che è attiva la procedura online per le nuove domande per richiedere il "bonus 2400 euro" previsto dal decreto Sostegni
cartello bonus tra le mani

Inps, il bonus 2.400 euro

[Torna su]

È online la procedura che permette ai nuovi beneficiari di accedere al bonus di 2400 euro previsto dal decreto Sostegni, che hanno tempo fino al 31 maggio per presentare domanda. Lo chiarisce l'Inps in una nota stampa datata 22 aprile 2021.

Vai alla guida Decreto sostegni: tutte le misure

Bonus 2.400 euro, le categorie che supporta

[Torna su]

La nota viene dopo il messaggio 8 aprile 2021, n. 1452 con cui l'Istituto chiarisce di aver provveduto alla liquidazione dell'indennità una tantum Covid-19, pari a 2.400 euro del decreto Sostegni in favore di tutti i lavoratori già beneficiari delle indennità assegnate dai precedenti decreti Rilancio e Ristori; ed ancora alla circolare n. 65 del 19/04/2021 con la quale l'Inps ha fornito le istruzioni operative per la presentazione delle domande rinviando al 31 maggio 2021 il relativo termine. Quest'ultimo documento elenca le categorie lavorative a supporto delle quali è stato attivato il bonus:

- lavoratori stagionali, lavoratori a tempo determinato e lavoratori in

somministrazione dei settori del turismo e degli stabilimenti termali;

- lavoratori stagionali e in somministrazione di settori diversi dai settori del

turismo e degli stabilimenti termali;

- lavoratori intermittenti;

- lavoratori autonomi occasionali;

- lavoratori incaricati delle vendite a domicilio;

- lavoratori dello spettacolo.

Bonus 2.400 euro, come presentare la domanda

[Torna su]

I lavoratori che hanno già beneficiato delle indennità previste dai Decreti Ristori non devono presentare una nuova domanda, sarà l'Inps a provvedere.

I lavoratori che invece non hanno beneficiato delle indennità del Decreto Ristori possono presentare domanda entro il 31 maggio 2021. La domanda va presentata esclusivamente in modalità telematica, utilizzando i consueti canali telematici messi a disposizione per i cittadini e per gli Enti di Patronato sul portale web Inps. Quindi PIN; SPID di livello 2 o superiore; Carta di identità elettronica 3.0 (CIE); carta nazionale dei servizi (CNS). L'accesso è al link apposito sul sito Inps.

Condividi
Feedback

Foto: 123rf.com
In evidenza oggi: