Per la Cassazione cade in errore il giudice che, nel valutare la responsabilità omissiva medica, non compie un ragionamento controfattuale unitario
stetoscopio medico con martello giudice

Gli elementi della responsabilità medica vanno considerati nel complesso

[Torna su]

Nei giudizi di responsabilità medica per omissione non è possibile limitarsi ad affrontare il problema causale valutando solo la più probabile evoluzione di una certa patologia, ma, come affermato dalla Corte di cassazione nella sentenza numero 11651/2021 qui sotto allegata, occorre considerare anche i fattori causali alternativi, che possono essere rappresentati, ad esempio, "dalla natura della patologia, dal possibile alternativo decorso eziologico…, dallo stato clinico generale del paziente, dai tempi richiesti per l'intervento…, nonché dalla presenza di medico al seguito" in caso di comportamento addebitato a un infermiere di primo soccorso.

Solo considerando tutti tali elementi nella loro complessità, infatti, è possibile riconoscere il collegamento causale tra la condotta ascritta a un operatore sanitario rispetto all'evento dannoso lamentato dal paziente secondo criteri di elevata probabilità logica e di ragionevole certezza processuale.

Il ragionamento controfattuale deve essere unitario

[Torna su]

Il giudice che, a fronte di una notevole probabilità suggerita dal sapere scientifico (anche se, come nella specie, pari all'80-85%), ritiene tale dato sufficiente ad assicurare il rispetto dei canoni del giudizio controfattuale ai fini del riconoscimento della causalità materiale, incorre in un errore logico giuridico.

In tal modo, infatti, si omette il confronto con "l'altro corno del problema causale": limitandosi ad affrontare il problema della ricorrenza di una patologia emendabile, il giudice risolve solo uno degli aspetti controversi della serie causale, unitamente al quale va considerato anche il problema della rilevanza di un intervento sanitario tempestivo.

Invece, il ragionamento controfattuale, per la Corte di cassazione, deve essere unitario e va condotto "mediante l'indicazione dei singoli passaggi che giustificavano, in termini di alta probabilità logica, il superamento degli ostacoli, la cui interferenza non poteva che essere sommata, al razionale svolgersi della catena causale attivata dalla condotta omissiva dell'imputato", escludendo il rilievo di eventuali fattori causali alternativi e concorrenti.

La probabilità frequentista

[Torna su]

Del resto, come ricordato dalla Corte di cassazione, già da tempo la giurisprudenza ha chiarito che "la causalità omissiva è ravvisabile non solo in presenza di leggi scientifiche universali o di leggi statistiche che esprimono un coefficiente prossimo alla certezza (ma che pur sempre impongono di accertare la irrilevanza di eventuali spiegazioni diverse eventualmente dedotte), ma può esserlo altresì quando ricorrano criteri medio bassi di probabilità cd. frequentista".

Se questi sono corroborati dal riscontro probatorio circa la sicura non incidenza di altri fattori alternativi, infatti, è ben possibile utilizzarli per accertare il nesso di condizionamento.

Scarica pdf sentenza Cassazione numero 11651/2021
Vedi anche:
La raccolta di articoli in materia di responsabilità medica
La Guida Legale sulla responsabilità medica
Valeria Zeppilli
Avv. Valeria Zeppilli (profilo e articoli)
Consulenza Legale
E-mail: valeria.zeppilli@gmail.com
Avvocato e dottore di ricerca in Scienze giuridiche, dal 2015 fa parte della redazione di Studio Cataldi -- Il diritto quotidiano. Collabora con la cattedra di diritto del lavoro, diritto sindacale e diritto delle relazioni industriali dell'Università 'G. D'Annunzio' di Chieti - Pescara.
Condividi
Feedback

Foto: 123rf.com
In evidenza oggi: