Per il Giudice di Pace di Ivrea va annullata la sanzione per passaggio con il rosso se manca la delibera di autorizzazione della Giunta Comunale all'installazione dell'apparecchio
auto ferma al semaforo rosso

Semaforo rosso: multa solo previa delibera di autorizzazione della giunta

[Torna su]
Va annullata la sanzione elevata per passaggio con il rosso, rilevato tramite dispositivo elettronico, qualora manchi la delibera di autorizzazione della Giunta Comunale all'installazione dell'apparecchio. A tal proposito, stante la differenza che sussiste tra delibera e determina, in mancanza della menzionata deliberazione, non potranno ritenersi legittimanti le determinazioni dirigenziali di affidamento della fornitura dell'impianto Redvolution e di installazione del predetto impianto

Lo ha chiarito il Giudice di Pace di Ivrea nella sentenza n. 81/2021 (qui sotto allegata) pronunciandosi sul ricorso di una conducente, domiciliato presso la Globoconsumatori Onlus, che ha proposto opposizione a sanzione amministrativa al fine di ottenere l'annullamento di una contravvenzione elevata per violazione dell'art. 146, comma 3, C.d.S, ovvero passaggio con il rosso.

Parte ricorrente ha contestato, tra l'atro, l'assenza della delibera di autorizzazione della Giunta all'installazione dell'apparecchio. Nell'accogliere l'istanza, il Giudice di Pace rammenta come l'installazione dello strumento di rilievo automatico delle violazioni per il passaggio con il semaforo rosso debba effettivamente essere autorizzata da una delibera comunale.

Nel caso in esame, l'ente resistente ha però prodotto solo alcune determinazioni che, a sua detta, avrebbero legittimato l'installazione di postazione deputata al controllo remoto della violazione dell'art. 146 del Codice della Strada.

Deliberazione e determinazione: le differenze

[Torna su]
Il magistrato onorario, tuttavia, si sofferma sulle differenze tra la deliberazione e le determinazioni. Nell'ambito della Pubblica Amministrazione, dei Comuni nello specifico, la deliberazione è lo strumento attraverso cui si esprimono gli indirizzi politico amministrativi, mentre con il termine determina si identifica, invece, il provvedimento di un dirigente o funzionario preposto a determinate funzioni.

In particolare, "la determinazione è un atto formale con cui i responsabili dei servizi manifestano e dichiarano la propria volontà nell'esercizio della potestà di gestione finanziaria, tecnica e amministrativa" e dunque le determine "sono atti amministrativi tipici con cui i dirigenti assumono le decisioni necessarie per realizzare gli obiettivi stabiliti dagli indirizzi e dalle programmazioni dell'ente".

È dunque possibile affermare che le delibere sono atti normativi a emanazione collegiale con cui si forniscono disposizioni che indicano un indirizzo o una programmazione, mentre le determinazioni sono atti amministrativi (che possono avere o meno rilevanza contabile) attraverso cui si esplica la volontà del dirigente responsabile del servizio dell'ente in questione, impegnando l'amministrazione verso l'esterno e che dunque hanno una valenza esecutiva delle disposizioni dell'ente.

Tornando alla vicenda in esame, spiega il magistrato, attraverso la delibera la Giunta formula un atto di indirizzo per l'adozione dei necessari provvedimenti finalizzati anche all'installazione presso un impianto semaforico di un sistema di controllo elettronico del passaggio con il rosso, mentre al dirigente è affidato il compito di dare esecuzione alle disposizioni della giunta affidando, per esempio, i lavori a una società.

Redvolution: la P.A. deve produrre la delibera della Giunta

[Torna su]

Nel caso di specie, è stata prodotta una determina con cui il dirigente ha semplicemente conferito incarico a una ditta di modificare l'impianto semaforico e tale provvedimento non fa peraltro alcun riferimento al rilievo automatico delle violazioni per il passaggio col semaforo rosso. In una successiva determina, sempre prodotta dal Comune convenuto, è stata invece dal dirigente affidata a un'altra ditta la fornitura dell'impianto "Redvolution", mentre una terza determina ha provveduto sull'affidamento dei lavori necessari al posizionamento e all'installazione del predetto impianto.

Come rileva il giudicante, trattasi di atti esecutivi di una delibera che non è stata prodotta dall'amministrazione convenuta, e sarebbe stato suo onere farlo, stante l'inversione dell'onere probatorio nei giudizi di opposizione a infrazioni al C.d.S., in deroga alla regola generale, a seguito dell'esplicita eccezione sul punto sollevata da parte attrice.

Pertanto, poiché nel caso in esame non sussiste alcuna delibera della Giunta comunale di autorizzazione all'installazione del dispositivo "Redvolution" ovvero alcun atto di indirizzo-controllo, o quantomeno non sono stati prodotti in giudizio, il Giudice di Pace di Ivrea non può far altro che decidere per l'annullamento dell'atto impugnato.

Si ringrazia la Globoconsumatori Onlus per l'invio del provvedimento

Scarica pdf sentenza Gdp Ivrea n. 81/2021
Condividi
Feedback

Foto: 123rf.com
In evidenza oggi: