L'Inps pubblica i chiarimenti sulla domanda telematica per l'Anf per i lavoratori beneficiari di trattamenti di integrazioni salariale
mano di imprenditore che consegna assegno ad altra persona

Anf, come presentare la domanda

[Torna su]

Anche i lavoratori che percepiscono i trattamenti di integrazione salariale direttamente dall'Inps dovranno presentare domanda di assegno per il nucleo familiare. A spiegarlo è lo stesso Istituto con il messaggio n. 833 del 25 febbraio 2021 (in allegato). I lavoratori dovranno inviare tramite apposita procedura la richiesta di "ANF DIP" annuale per il periodo che va dal 1° luglio 2020 al 30 giugno 2021 e, allo stesso modo, per i periodi precedenti o successivi. Prima dell'istanza "ANF DIP", servirà presentare la domanda di "Autorizzazione ANF" nei casi previsti, come ad esempio per i nuclei monoparentali, nei casi di separazione/divorzio o per la maggiorazione dell'ANF nei casi di presenza di componenti inabili nel nucleo familiare, al fine di definire il diritto a maggiorazione della prestazione familiare.

Vai alla guida Anf con l'infografica

Anf: richiesta pagamento diretto su CIGO, CIGS, CIGD, ASO, CISOA e IMA

[Torna su]

Per la cassa integrazione salariale ordinaria (CIGO), straordinaria (CIGS) e in deroga (CIGD), assegno ordinario (ASO), cassa integrazione salariale operai agricoli (CISOA), indennità di mancato avviamento al lavoro (IMA), l'importo teoricamente spettante calcolato dall'Inps andrà riparametrato dal datore di lavoro nei modelli "SR41" o "SR43" semplificati, in base alle ore/giornate di trattamento richieste e in pagamento e non dovrà mai superare quello reso nella procedura "ANF DIP".

Anf, modalità operative

[Torna su]

Le modalità operative nell'importo da erogare a titolo di ANF per un dato lavoratore dovrà essere indicato nell'apposito campo dei modelli "SR41" e "SR43" semplificati.

La verifica della coerenza dell'importo con l'esito della elaborazione della domanda "ANF DIP" del lavoratore sarà eseguita in automatico, per quanto riguarda i modelli SR41, e a cura degli operatori, con riferimento ai modelli SR43, prima del pagamento degli importi indicati nei citati modelli. Nel caso in cui venisse fuori un'incoerenza (ad esempio, nel confronto con l'importo autorizzato o eventualmente già corrisposto per la stessa mensilità) la richiesta di pagamento sarà sottoposta a verifica a cura dell'operatore della Struttura territoriale competente, che potrebbe valutare di procedere con il pagamento della prestazione escludendo il pagamento dell'importo a titolo di ANF.

Scarica pdf messaggio Inps n. 833/2021
Vedi anche:
- Gli assegni familiari (guida legale)
- Assegni familiari arretrati
Condividi
Feedback

Foto: 123rf.com
In evidenza oggi: