Cambiamento etico del colosso: "seguire" implica un semplice interessamento, senza espressione di un giudizio positivo di gusto
tenere con le mani cartello con like facebook

Facebook, dal like al segui

[Torna su]

Dimenticatevi i "like" alle pagine su Facebook. Il tastino con l'immagine del pollice in sù tra poco non sarà può utilizzato. Al posto del "mi piace" per le pagina si potrà utilizzare il tasto "segui" cioè la possibilità per gli utenti di seguire gli aggiornamenti di una pagina senza cliccare per forza il "Mi piace". Una scelta etica, in primis, quella effettuata dalla piattaforma di Mark Zuckerberg poichè "seguire" implica un semplice interessamento, senza espressione di un giudizio positivo di gusto. Una decisione che fa parte di una serie di cambiamenti con cui si vuole rivedere completamente l'esperienza all'interno di queste sezioni del Social Network, rendendola, nelle intenzioni di Asad Awan, responsabile della sezione Public Connections and Monetization, più chiara e piacevole per tutti.

La pagina è diversa dal profilo

[Torna su]

Giova tuttavia ricordare la differenza tra pagine e profili: le pagine rispetto ai profili (che possono essere privati) sono sempre pubbliche, solitamente aziendali o gestite da personaggi famosi, o comunque riconosciuti, con un ampio seguito. Quindi utilizzate per motivi commerciali, pubblicitari o per promuovere iniziative, opinioni, marchi, lavori e contenuti. Di conseguenza, rispetto ai singoli account, godono di maggiore visibilità.

Dai giudizi agli aggiornamenti il passo è breve

[Torna su]

I like determinavano in quanti erano effettivamente interessati e volevano vederle comparire nel loro feed di notizie. Tuttavia, dopo l'introduzione del "Segui" si era creata confusione da un lato e, dall'altro incapacità, per gli addetti ai lavori, per i gestori delle pagine e per i social media manager, di riuscire a determinare con certezza quale dei due numeri fosse più importante. E la differenza che si concretizza adesso non è da poco, se si guarda da vicino: scegliere che ci piace qualcosa prevede automaticamente un giudizio positivo di gusto ed uno sposare la causa.

al contrario, invece, seguire implica semplicemente essere interessati a riceverne gli aggiornamenti, senza giudizio di apprezzamento esternato.

Vedi anche:
Facebook: ecco gli aspetti legali che ognuno dovrebbe conoscere
Condividi
Feedback

Foto: 123rf.com
In evidenza oggi: