La Corte di cassazione fa il punto sulla responsabilità extracontrattuale per danno causato da attività pericolosa da emotrasfusione
Paziente soggetto a trasfusione di sangue

Attività pericolosa da emotrasfusione

[Torna su]

L'ordinanza numero 29766/2020 della Corte di cassazione (qui sotto allegata) merita di essere segnalata per aver fatto il punto sulla questione della responsabilità extracontrattuale derivante dal danno subito dal paziente sottoposto a un'attività pericolosa di emotrasfusione.

Alla base della pronuncia, vi è la vicenda di una donna che, alla fine degli anni settanta del secolo scorso, aveva contratto il virus dell'epatite C e che pretendeva di essere indennizzata ritenendo che l'infezione derivasse da un'emotrasfusione alla quale si era sottoposta presso un ospedale romano.

Danno medico da emotrasfusione: il ricorso a presunzioni

[Torna su]

Per i giudici, in materia va rilevato che la prova del nesso causale tra la trasfusione e il contagio da virus HCV può basarsi anche su presunzioni, ma solo se risulti dimostrata l'idoneità della condotta a provocare il contagio e la struttura sanitaria non abbia predisposto o non abbia prodotto in giudizio la documentazione obbligatoria sulla tracciabilità del sangue trasfuso.

Chiaramente, a tal fine non può prescindersi dalla prova, anch'essa eventualmente presuntiva, dell'effettuazione della trasfusione (cosa che nella specie mancava).

La prova del danno

[Torna su]

Del resto, per la Corte va ribadito l'orientamento, già affermato nel corso degli anni, in forza del quale il paziente che pretenda di ricevere l'indennizzo che l'articolo 1, comma 3, della legge n. 210/1992 riconosce in favore di coloro che presentino danni irreversibili derivanti da epatiti post-trasfusionali deve dimostrare:

  • l'effettuazione della terapia trasfusionale;
  • il verificarsi del danno;
  • il nesso causale tra le due cose, da valutarsi secondo un criterio di ragionevole probabilità scientifica.

Scarica pdf ordinanza Cassazione numero 29766/2020
Vedi anche:
La raccolta di articoli in materia di responsabilità medica
La Guida Legale sulla responsabilità medica
Valeria Zeppilli
Avv. Valeria Zeppilli (profilo e articoli)
Consulenza Legale
E-mail: valeria.zeppilli@gmail.com
Avvocato e dottore di ricerca in Scienze giuridiche, dal 2015 fa parte della redazione di Studio Cataldi -- Il diritto quotidiano. Collabora con la cattedra di diritto del lavoro, diritto sindacale e diritto delle relazioni industriali dell'Università 'G. D'Annunzio' di Chieti - Pescara.
Condividi
Feedback

In evidenza oggi: