Contenuto del ricorso giurisdizionale promosso dal militare per impugnare la determina di perdita del grado per rimozione
libro diritto militare con martello

La determina e il ricorso giudiziale

La determina con la quale l'Amministrazione militare stabilisce la perdita del grado per rimozione del militare, il quale viene iscritto d'ufficio nel ruolo dei militari di truppa dell'Esercito Italiano, senza alcun grado, può essere sottoposta al giudizio del tribunale amministrativo regionale competente.
Qui si prende, come esempio, il caso della determina emanata dalla Guardia di Finanza.

Contenuto strutturale del ricorso al giudice

Il ricorso viene così articolato:

a) deve indicare, nella sua sezione di apertura, gli elementi identificativi del militare che intende ricorrere, del suo difensore e delle parti nei cui confronti il ricorso viene presentato;

b) subito dopo, deve recare l'espressa indicazione dell'oggetto della domanda, includendo l'atto o il provvedimento impugnato (nel caso qui preso come esempio si tratterà della determina di perdita del grado per rimozione), oltre alla data di sua notificazione, comunicazione o comunque della sua effettiva conoscenza;

c) nella parte centrale deve recare una sommaria esposizione dei fatti;

d) quindi, successivamente, deve contemplare l'indicazione dei motivi specifici su cui si fonda il ricorso;

e) nella parte conclusiva, deve recare l'indicazione dei mezzi di prova e dei provvedimenti che si chiedono al Collegio giudicante;

f) infine, deve recare la sottoscrizione del difensore e della procura speciale allo stesso rilasciata dal militare.

Contenuto sostanziale del ricorso giurisdizionale

Ciascun elemento strutturale del ricorso ha la sua importanza; non meno importante è il senso sostanziale dell'atto che si rimette al vaglio della magistratura amministrativa.

In particolare, le argomentazioni difensive tendenti a disarticolare la determina avente ad oggetto la perdita del grado per rimozione, devono essere analiticamente illustrate nei motivi di ricorso.

I motivi di ricorso sono dunque il cuore dell'atto difensivo presentato nell'interesse del militare colpito dal severo provvedimento; all'interno dei motivi il difensore si preoccupa di disassemblare le articolate incolpazioni consacrate nella determina gravata.

Altre informazioni?
Contatta l'Avv. Francesco Pandolfi
3286090590
avvfrancesco.pandolfi66@gmail.com
Francesco Pandolfi
Francesco Pandolfi | Avvocato
E-mail: francesco.pandolfi66@gmail.com - Tel: 328.6090590
Recapiti: Via Giacomo Matteotti 147, 4015 Priverno LT
Si occupa principalmente di Diritto Militare in ambito amministrativo, penale, civile e disciplinare ed и autore di numerose pubblicazioni in materia.
Altre informazioni su questo argomento? Richiedi una consulenza all'Avv. Pandolfi
Condividi
Feedback

Foto: 123rf.com
In evidenza oggi: