Il limite di spesa per il superbonus in caso di lavori su parti comuni condominiali è calcolato sulla base del numero delle unità immobiliari
casa sopra calcolatrice concetto mutuo

In condominio il superbonus si moltiplica

[Torna su]

Gli interventi edilizi ammessi a godere del cd. superbonus del 110% (sul quale vai alla guida Superbonus 110%: la guida) sono assoggettati a limiti massimi di spesa variabili a seconda della tipologia di lavori cui si riferisce il beneficio.

Tali limiti, come chiarito dall'Agenzia delle entrate con la risoluzione n. 60/E/2020 del 28 settembre 2020 (qui sotto allegata), nei condomini vanno calcolati tenendo conto del numero delle unità immobiliari di cui si compone l'edificio.

Isolamento termico delle superfici opache

[Torna su]

Ad esempio, se gli interventi per i quali si accede al superbonus hanno a oggetto l'isolamento termico delle superfici opache e sono realizzati su edifici in condominio, la detrazione va calcolata considerando l'ammontare complessivo delle spese di importo variabile in funzione del numero di unità immobiliari. Se, quindi, un edificio è composto da quattro unità immobiliari, considerato il generale limite massimo di spesa ammesso al superbonus di 40mila euro, lo stesso, con specifico riferimento a quel condominio, sarà pari a 160mila euro (40mila x 4).

Interventi antisisimici in condominio

[Torna su]

Allo stesso modo, la detrazione per interventi antisismici è pari a massimo 96mila euro per unità immobiliare per ciascun anno. Secondo l'Agenzia delle entrate, per gli interventi dai quali deriva la riduzione del rischio sismico di una o due classi, la detrazione può arrivare sino a 96mila euro moltiplicati per il numero di unità immobiliari delle quali si compone l'edificio (ad esempio, nel caso di quattro unità immobiliari, essa sarà pari a 384mila euro).

Superamento delle soglie per il singolo condomino

[Torna su]

Ciò posto, il singolo condomino può calcolare la propria detrazione tenendo conto della quota di spesa che gli è stata imputata in base ai millesimi di proprietà o ad altri criteri oggettivi di determinazione. Se in tal modo si superano le soglie individuali (tornando agli esempi di prima, di 40mila o di 96mila euro), non è un problema: il limite che rileva è quello complessivo previsto per il condominio e il singolo proprietario può "sforare".


Scarica pdf risoluzione Agenzia delle entrate n. 60/E/2020
Valeria Zeppilli
Avv. Valeria Zeppilli (profilo e articoli)
Consulenza Legale
E-mail: valeria.zeppilli@gmail.com
Avvocato e dottore di ricerca in Scienze giuridiche, dal 2015 fa parte della redazione di Studio Cataldi -- Il diritto quotidiano. Collabora con la cattedra di diritto del lavoro, diritto sindacale e diritto delle relazioni industriali dell'Università 'G. D'Annunzio' di Chieti - Pescara.
Condividi
Feedback

Foto: 123rf.com
In evidenza oggi: