Criteri e regole per stabilire quando si configura la responsabilità della pubblica amministrazione per aver ritardato un provvedimento. La sentenza del Tar Lazio
donna che tiene una sveglia che si dissolve per via del tempo

Danno da ritardo della P.A.

Esistono molte cause nelle quali ci si rivolge al giudice e si chiede di verificare se, in determinate circostanze, sussista o meno la responsabilità per danno da ritardo causato dalla condotta dilatoria dell'amministrazione.

Elementi della responsabilità della P.A.

Ebbene, per affermare la responsabilità della P.A., idonea a provocare un ingiusto danno da ritardo, la valutazione dell'elemento della colpa dipende dai seguenti fattori:

1) la procrastinazione dell'adozione del provvedimento finale
2) la dimostrazione del dolo da parte della P.A., oppure
3) la dimostrazione della colpa grave della stessa amministrazione

In pratica: se si verifica un funzionamento difettoso dell'apparato pubblico e se questo provoca un danno, il mancato funzionamento fisiologico della predetta articolazione amministrativa deve essere riconducibile ad un comportamento gravemente negligente, oppure ad una volontà intenzionale di nuocere, in contrasto con i canoni di imparzialità e buon andamento dell'azione amministrativa posti dall'articolo 97 della Costituzione.
Quindi attenzione: per appurare questo particolare tipo di responsabilità non basta il semplice ritardo amministrativo, ma occorre verificare se la fattispecie presenta anche gli altri elementi essenziali citati: il dolo o la colpa dell'apparato.

La sentenza del Tar Lazio

Ultimamente, la questione si è posta davanti i giudici del Tar Lazio.
Nell'ambito di una controversa ed articolata vicenda i magistrati si sono trovati a valutare l'eventuale responsabilità del Ministero della Giustizia per il ritardo nell'espletamento di procedure concorsuali, oltre ad una domanda di risarcimento dei danni non patrimoniali, all'immagine e allo sviluppo della carriera dei ricorrenti.
La conclusione della lite è stata, appunto, quella indicata sopra: i giudici hanno segnalato la necessità di dimostrare il dolo o la colpa amministrativa, oltre al fatto del ritardo nella gestione della pratica e quindi nell'adozione del provvedimento conclusivo del procedimento.

Altre informazioni?
Contatta l'Avv. Francesco Pandolfi
3286090590
avvfrancesco.pandolfi66@gmail.com
Francesco Pandolfi
Francesco Pandolfi | Avvocato
E-mail: francesco.pandolfi66@gmail.com - Tel: 328.6090590
Recapiti: Via Giacomo Matteotti 147, 4015 Priverno LT
Si occupa principalmente di Diritto Militare in ambito amministrativo, penale, civile e disciplinare ed и autore di numerose pubblicazioni in materia.
Altre informazioni su questo argomento? Richiedi una consulenza all'Avv. Pandolfi
Condividi
Feedback

Foto: 123rf.com
In evidenza oggi: